Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Capo NATO: "Dialogo con la Russia non è segno di debolezza"

© AP Photo / Francois LenoirIl segretario generale della NATO Jens Stoltenberg
Il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg - Sputnik Italia, 1920, 08.06.2021
Seguici su
All'inizio di lunedì è stato annunciato che il Segretario di Stato americano Antony Blinken accompagnerà il prossimo incontro bilaterale tra il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e il presidente russo Vladimir Putin a Ginevra, Svizzera. Prima del vertice del 16 giugno, Biden incontrerà i membri dell'alleanza di mutua difesa della NATO.
Lunedì il Segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha dichiarato in un comunicato citato da dw.com che lui e Biden hanno raggiunto un consenso sul fatto che gli sforzi per contenere la Russia devono continuare in parallelo con tentativi di dialogo.
"Abbiamo discusso della Russia. Siamo d'accordo sull'approccio duale che significa deterrenza, difesa e dialogo con la Russia", ha espresso Stoltenberg dopo l'incontro con il presidente USA. "Il dialogo con la Russia non è un segno di debolezza".
"Siamo forti, uniti e poi possiamo parlare con la Russia. Dobbiamo parlare con la Russia", ha aggiunto.
"Anche se non crediamo in un rapporto migliore, dobbiamo gestire le difficili relazioni con la Russia: controllo degli armamenti, trasparenza, riduzione del rischio. Tutte queste questioni sono importanti.
"Ho accolto con favore l'estensione di START III", ha detto riferendosi al trattato bilaterale sul disarmo nucleare tra Stati Uniti e Russia. Il trattato - prorogato a febbraio di quest'anno - dovrebbe terminare a febbraio 2026.
Stoltenberg e Biden hanno anche toccato il tema del terrorismo internazionale, i cambiamenti climatici, le minacce informatiche e la Cina.
"L'ascesa della Cina pone alcune opportunità per le nostre economie per il commercio e dobbiamo impegnarci con la Cina su questioni come il cambiamento climatico e il controllo degli armamenti", ha detto, sottolineando che la Cina non condivide i valori della NATO, quindi l'alleanza deve lavorare con gli alleati del Pacifico, principalmente Australia, Nuova Zelanda, Corea del Sud e Giappone, per frenare la crescita economica di Pechino e gli investimenti in capacità militari avanzate.
Secondo il capo della NATO, le questioni relative alla Cina saranno affrontate di nuovo quando i leader della NATO incontreranno Biden.
Il portavoce del ministero degli Esteri cinese Wang Wenbin - Sputnik Italia, 1920, 07.06.2021
"Devono partecipare tutti, non solo pochi eletti", portavoce Esteri cinese su parole di Biden
I commenti di Stoltenberg arrivano giorni dopo aver sostenuto che la NATO avrebbe adottato un "approccio duale nei confronti della Russia".
"Oggi non posso dirvi quale linguaggio e formulazioni precise saranno nel nuovo concetto strategico che inizieremo a redigere dopo il vertice tra pochi giorni", ha detto il capo della Nato durante un pannello virtuale organizzato dalla Brookings Institution.
"Sarà un processo in cui tutti gli alleati saranno coinvolti, ma sento e so che c'è un ampio sostegno nella NATO per quello che noi definiamo come un approccio duale alla Russia", ha continuato.
Stoltenberg ha anche detto che la NATO sta attualmente perseguendo un approccio di "deterrenza e dialogo" nei confronti della Russia.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала