Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Salvini a colloquio con Draghi: "L'Italia non è il campo profughi d'Europa"

Matteo Salvini  - Sputnik Italia, 1920, 07.06.2021
Seguici su
Nel pomeriggio, come reso noto da un tweet di Palazzo Chigi, si è tenuto un incontro tra il premier Mario Draghi e Matteo Salvini.
Secondo la fonte governativa si è parlato principalmente di economia e riforme.
Salvini al termine dell'incontro ha dichiarato ai giornalisti che "abbiamo perso di vista l'orologio. Un'ora e mezzo di confronto su tanto se non su tutto. Sostanziale condivisione e soddisfazione per quello che si sta facendo. Stiamo dando agli italiani ottimi risultati: abbiamo parlato della riforma del fisco e della giustizia e del senso dei referendum. Scuola, Europa, banche, disabilità: un confronto a 360°, utile e da tenere di frequente per arrivare a una crescita più sostenuta".
A proposito di economia, il senatore ha dichiarato che sul blocco dei licenziamenti c'è "assoluta sintonia" con Mario Draghi.

"I settori che crescono, che corrono, hanno bisogno di assumere, non di licenziare: penso all'industria e all'edilizia, che devono tornare a essere libere di agire sul mercato; poi i settori che hanno sofferto di più - penso al commercio, ai servizi, al turismo - avranno tempo fino a ottobre per organizzarsi, con l'obiettivo di una estate da boom economico", ha detto, citato dall'Ansa.

Salvini ha parlato anche del suo cavallo di battaglia: l'immigrazione.
"L'Italia non può essere lasciata sola, non può essere trattata come il campo profughi d'Europa, quindi la condivisione con gli altri paesi UE e la collaborazione con paesi africani è fondamentale. Siamo assolutamente in linea con il presidente Draghi, speriamo che non ci siano egoismi", ha aggiunto.
Il leader del Carroccio è stato interpellato anche sulla sua proposta riguardo a una federazione del centrodestra, riguardo cui ha dichiarato che "vogliamo semplificare la vita degli italiani, la politica e il governo. Più uniti e compatti siamo e meglio è".
"Il Covid ci ha insegnato che uniti si vince: gli italiani uniti hanno vinto la battaglia. Anche la politica ha il dovere di unirsi per essere più concreta, più veloce, più efficiente. Quindi vado avanti con questa proposta", ha affermato.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала