Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Genova, magistratura vuole far luce su caso 18enne ligure grave dopo vaccino

© AP Photo / Thomas CoexIl vaccino AstraZeneca
Il vaccino AstraZeneca - Sputnik Italia, 1920, 07.06.2021
Seguici su
La Procura di Genova ha aperto un fascicolo senza reati e indagati per il caso della 18enne di Sestri Levanti, ricoverata al San Martino in condizioni gravi per trombosi dopo che il 25 maggio, sfruttando l'open day, si era vaccinata con il siero anti-Covid di AstraZeneca.
La Procura di Genova vuole vederci chiaro e capire perché la ragazza 18enne di Sestri Levante è finita in ospedale in gravi condizioni dopo che le è stato somministrato il siero anti-Covid di AstraZeneca: per questo è stato aperto un fascicolo senza ipotesi di reato. Lo riporta l'Ansa.
Nelle prossime ore il pm Stefano Puppo e l'aggiunto Francesco Pinto, si metteranno in contatto con la direzione sanitaria dell'ospedale San Martino, dove è in cura la giovane, per farsi consegnare tutta la documentazione relativa all'iter vaccinale.
I magistrati vogliono mettere sotto la lente d'ingrandimento la modalità con cui è avvenuta la vaccinazione, l'anamnesi e il modulo di consenso fatto compilare prima dell'iniezione del siero immunizzante, nonché capire se la ragazza assumeva altri farmaci.
Matteo Bassetti, infettivologo, primario dell’ospedale San Martino di Genova - Sputnik Italia, 1920, 07.06.2021
Ragazza 18enne grave dopo vaccino, Bassetti dice no a clima di psicosi
La giovane aveva scelto di vaccinarsi contro il coronavirus in forma volontaria sfruttando l'open day organizzato dalla Regione Liguria per gli over 18 lo scorso 25 maggio. Successivamente in data 3 giugno la giovane si è presentata al Pronto Soccorso con mal di testa e fotofobia, ma gli esami a cui è stata sottoposto, tac cerebrale ed esame neurologico, sono stati "entrambi negativi". Tuttavia proprio nel fine settimana le condizioni della ragazza sono peggiorate, con manifestazione di difficoltà motorie, e ritornata al Pronto Soccorso la tac cerebrale ha evidenziato un'emorragia. Una volta confermata la diagnosi di trombosi, la ragazza è stata ricoverata d'urgenza al reparto di Neurochirurgia del San Martino. Ieri tra pomeriggio e sera ha subito 2 interventi di neurochirurgia per la rimozione del trombo e la riduzione della pressione intracranica. Oggi è stato riferito che la ragazza "è grave ma stabile".
Oggi il noto medico e infettivologo del San Martino di Genova Matteo Bassetti ha chiesto di evitare di fomentare la psicosi per questa vicenda, difendendo i vaccini anti-Covid con vettore virale e ricordando che la pillola anticoncezionale per statistica provoca più eventi trombotici nelle donne rispetto ai preparati di AstraZeneca e J&J.
Prima ancora l'immunologa e docente di Pediatria dell'università di Firenze, la professoressa Chiara Azzari, ha lanciato un appello all'Ema per chiedere di vietare alle giovani donne l'inoculazione dei vaccini anti-Covid a vettore virale, come AstraZeneca e J&J, sullo sfondo del maggior numero di eventi trombotici in questo gruppo di persone.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала