Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Genova, grave ma stabile la 18 enne con trombosi. Giorni fa aveva ricevuto il vaccino AstraZeneca

Ospedale Moscati - Sputnik Italia, 1920, 07.06.2021
Seguici su
Una giovanissima ragazza ha ricevuto il vaccino Vaxzevria alcuni giorni fa, ed ora versa in gravi condizioni per una trombosi cerebrale presso l'ospedale di Genova.
La 18 enne, giunta ieri al Policlinico San Martino di Genova con una trombosi, è grave ma stabile riferisce l’Adnkronos Salute. La giovane è stata operata ieri per ridurre l’emorragia.
Secondo quanto riferito dall’agenzia di stampa italiana, la 18 enne genovese aveva partecipato agli Open Day vaccinali alcuni giorni fa e le era stato somministrato l’AstraZeneca.
L’ospedale ha effettuato una segnalazione di farmacovigilanza all’Aifa (l’Autorità italiana del farmaco) sul caso, come previsto dalle procedure.
I medici hanno riferito che all’Aifa sono stati segnalati i farmaci assunti dopo la vaccinazione, ed è stato riferito dell’intervento di neuroradiologia interventistica condotto per rimuovere il trombo meccanicamente. L’operazione è riuscita bene.
Successivamente è intervenuta l’equipe neurochirurgica per ridurre la pressione cranica legata all’emorragia. Da qui la giovanissima ragazza è stata trasferita in rianimazione.

42 enne colpita da ictus

Una donna di 42 anni di Lucca, riversa in gravi condizioni all’ospedale di Cisanello di Pisa, per un Ictus sviluppatosi nei giorni successivi all’inoculazione della prima dose di AstaZeneca.
La famiglia della donna ha presentato un esposto ai carabinieri dopo essersi fatta consegnare una copia della cartella clinica dall’ospedale.
Operazione - Sputnik Italia, 1920, 06.06.2021
Doppio intervento di neurochirurgia per la 18enne ligure grave dopo vaccinazione con AstraZeneca

L’appello dei 24 medici genovesi

Proprio ieri era tornata a far discutere una lettera scritta da 24 giovani medici di Genova volontari per la campagna vaccinale contro il coronavirus, che avevano apertamente chiesto di non somministrare più AstraZeneca ai giovani sotto i 50 anni e in particolare di non proceder oltre con la somministrazione nelle donne.
I medici nella lettera rilanciata da un consigliere regionale ligure indipendente, hanno sottolineato il fatto che nei giovanissimi la mortalità per Covid-19 è rarissima e quasi pari a zero. Per tale motivo non si giustificherebbe a loro dire, il rischio di somministrargli un vaccino con vettore adenovirale che in alcuni casi può creare problemi trombotici anche fatali.
L’Ordine dei medici di Genova è intervenuto affermando che procederà contro i medici aprendo un procedimento disciplinare.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала