Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Prepariamoci alla lunga convivenza con il coronavirus, consiglio di Abrignani

© AP Photo / Alessandra TarantinoVaccino AstraZeneca
Vaccino AstraZeneca - Sputnik Italia, 1920, 06.06.2021
Seguici su
Una lunga convivenza con il coronavirus, questo ci attenderebbe secondo un membro del Cts, che poi propone l'obbligo del vaccino come avviene per altri.
Sarà una lunga convivenza con il coronavirus afferma Sergio Abrignani, membro del Comitato tecnico scientifico, ospite di Mezz’ora in più su Rai 3.
“Dobbiamo essere pronti a pensare a un mondo in cui si conviverà con questo virus. E i primi anni di convivenza non sono mai facili”. E quindi ci prospetta un ventennio di convivenza con il Sars-CoV-2.
“Nei prossimi vent’anni i nostri figli e nipoti si abitueranno a convivere con questo virus come noi conviviamo con il morbillo, ma, se dovesse rimanere, per una decina di anni non sarà facile”.
Ecco, convivere come col morbillo e gli altri virus quindi senza allarmismi e restrizioni.

Sono per l’obbligo vaccinale

Abrignani afferma a titolo personale di essere a favore dell’obbligo vaccinale, e dice che questo è un argomento di cui non si è mai discusso nel Cts.
Secondo lui qui non si pone il problema di “liberà individuale ma di sanità pubblica”, conscio che questa pandemia i nostri posteri la ritroveranno scritta “nei libri di storia”.
16 mesi che “sono un terremoto, un cambio epocale”, sottolinea il membro del Cts.
L’obbligo, fa notare ancora Abrignani, c’è già per altri vaccini che vengono somministrati in epoca pre-adolescenziale o adolescenziale. E proprio a questa fascia di persone l’esperto guarda per il futuro. Bisognerà vaccinare loro per primi.
Ma l’accento lo pone sul vaccinare tutti, perché con il problema delle varianti alla fine si rischia che una “sfugge al vaccino” e poi son dolori.

Sileri: verso la svolta assoluta

Intanto il sottosegretario alla salute, Pierpaolo Sileri, commentando i dati della campagna vaccinale, afferma che luglio sarà il mese della grande svolta. E questo perché ormai abbiamo raggiunto le 600 mila somministrazioni al giorno.
A questo ritmo entro luglio saremo alla metà della popolazione vaccinata ed entro settembre-ottobre avremo raggiunto la famosa immunità di gregge, comunica il sottosegretario Sileri.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала