Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Lucca, donna vaccinata con AstraZeneca colpita da ictus, la famiglia presenta esposto

© REUTERS / Jon NazcaIniezione del vaccino
Iniezione del vaccino - Sputnik Italia, 1920, 06.06.2021
Seguici su
Aveva ricevuto una dose di vaccino durante l'open day locale ed alcuni giorni dopo si è sentita male. La famiglia sospetta un legame tra somministrazione e ictus della giovane parente.
Irene Cervelli è una donna di 42 anni di Lucca che lo scorso 26 maggio ha ricevuto il vaccino Vaxzevria come prima dose. La donna il 3 giugno è stata ricoverata in terapia intensiva per un ictus presso l’ospedale di Cisanello di Pisa.
Ora la famiglia ipotizza una correlazione tra il vaccino di AstraZeneca e l’ictus occorso alla donna e così ha chiesto una copia della cartella clinica all’ospedale da consegna ai carabinieri per far luce sull’accaduto.
La donna aveva ricevuto il vaccino durante l’open day del 26 maggio, e si era detta soddisfatta per l’essere riuscita a sottoporsi al vaccino. La donna era stata fortuitamente intervistata dal quotidiano La Nazione il giorno dell’open day.
Il vaccino AstraZeneca - Sputnik Italia, 1920, 06.06.2021
In Liguria ragazza 18enne vaccinata con AstraZeneca in rianimazione per trombosi

Irene non aveva problemi sanitari noti

La famiglia ha riferito che la donna non aveva problemi di salute noti, era sempre in forma e molto attiva. Il malore è stato improvviso.
La donna giunta in pronto soccorso è stata subito sottoposta ad un intervento chirurgico per ridurre le conseguenze dell’ictus durato 5 ore.
Nelle ore successive ne è seguita una nuova emorragia che ha costretto i chirurghi ad intervenire nuovamente per tamponare la situazione. Ora Irene è grave ed in prognosi riservata.
In Italia e nel mondo non è la prima volta che si registrano casi di reazione grave avversa dopo la vaccinazione contro il Covid con il preparato della casa farmaceutica anglo-svedese AstraZeneca. L'Ema ha successivamente ammesso l'esistenza di un nesso tra la coagulazione anomala del sangue e il vaccino di AstraZeneca, pur rilevando che i benefici dell'immunizzazione dal coronavirus con questo siero superano di gran lunga i rischi.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала