Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Caso federazione di centrodestra, Salvini rassicura sull’alleanza con Giorgia Meloni

© AFP 2021 / Luca PriziaMatteo Salvini e Giorgia Meloni
Matteo Salvini e Giorgia Meloni - Sputnik Italia, 1920, 06.06.2021
Seguici su
Salvini tenta di eclissare gli altri partiti di centrodestra inventandosi una "federazione". In molti nel centrodestra lo pensano e si defilano, la prima è la Meloni.
Matteo Salvini da qualche giorno spinge sull’idea di una federazione di centrodestra che inizialmente sembrava dover essere allargata a tutti e avere come orizzonte temporale le elezioni politiche e oltre.
Ma Fratelli d’Italia si è sfilata ed ha affermato che questa cosa si farà senza di loro.
Così oggi Matteo Salvini chiarisce che “l’alleanza con Giorgia Meloni, che è un’amica, era e rimane il futuro del centrodestra a livello nazionale”.
E poi aggiunge che la federazione è una proposta rivolta alle “forze che sostengono il governo Draghi, poi l’obiettivo è di arrivare a vincere tutti insieme le elezioni penso nel 2023”, così Salvini ospite di Lucia Annunziata su Rai 3 nel programma pomeridiano della domenica ‘In mezz’ora in più’.

Cos’è la federazione del centrodestra allora?

Salvini cerca di spiegare meglio cos’è questa federazione di centrodestra se Giorgia Meloni gli ha detto di no (ed è il secondo partito della coalizione) e se esponenti di spicco di Forza Italia come i ministri Maria Stella Gelmini e Mara Carfagna gli hanno detto di no.
"Non parlo di fusioni, annessioni, parlo di una collaborazione sui temi concreti. Una voce sola, ma ciascuno mantiene la sua identità, non è un'operazione partitica per la campagna elettorale, per inventarsi un nuovo simbolo, è una messa in comunione di valori", dice lui.

Slavini torna sul caso Brusca

Dopo la scarcerazione di Giovanni Brusca si è alzato un vento di polemiche. La legge voluta proprio da Giovanni Falcone ha permesso a numerosi mafiosi di fare nomi e di far arrestare altri mafiosi, in cambio di uno sconto di pena ed evitando quindi l’ergastolo ostativo.
Salvini dice che la legge è figlia di un’altra epoca, di 30 anni fa ed è ora di rimettere mano a quella legge e alle leggi sulle mafie perché i tempi sono cambiati. Oggi le mafie comprano bar, ristoranti, locali e tabaccherie dalla gente che non ce la fa più, dice Salvini.
“Bisogna inseguire questi infami”, ovunque aggiunge.

Reazione di Meloni

“La federazione? Non è che non sono convinta, è anche una cosa intelligente. Non è un’operazione fatta contro di me ma contro la sinistra”, dice in risposta la leader di Fdi Giorgia Meloni a “Non è l’arena” su La7.
“Credo che vogliano cercare di contare un po’ di più, poi non mi sono chiari i contorni, c’è chi parla di coordinamento e chi di gruppi unici, guardo la proposta con assoluto rispetto. Non ho parlato con Berlusconi e Salvini di questa cosa, ho sempre pensato che le differenze fossero una ricchezza, quello che fa la differenza in politica è la tua identità. E’ un’operazione che ha vantaggi e rischi”, le parole di senatrice, citate da Askanews.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала