Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Recovery, previste oltre 24.000 assunzioni, Brunetta: "Scommettiamo sul capitale umano pubblico"

© Sputnik . Evgeny UtkinRenato Brunetta
Renato Brunetta - Sputnik Italia, 1920, 05.06.2021
Seguici su
Ingegneri, matematici, informatici, esperti di diritto sono alcuni dei profili professionali destinati a entrare nella pubblica amministrazione per dare attuazione al Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr).
Il piano di reclutamento previsto dal decreto-legge approvato ieri dal governo rappresenta il terzo pilastro, insieme a quelli sulla governance e sulle semplificazioni, dell’assetto normativo necessario per attuare i circa 300 progetti del Pnrr e spendere così gli oltre 200 miliardi di euro in arrivo nei prossimi cinque anni dall’Europa.
Il decreto, ribattezzato “La nostra scommessa sul capitale umano pubblico per la ripresa del ripresa”, prevede oltre oltre 24.000 le assunzioni a termine previste entro il 2026, così ripartite:
16.500 all’ufficio per il processo;
5.410 nel personale amministrativo della giustizia;
1.000 per il supporto a Regioni ed enti locali nella gestione delle procedure complesse;,
500 per supportare la rendicontazione finanziaria;
300 per la governance;
268 alla transizione digitale;
67 all’'Agenzia per l’Italia digitale.
La durata dei contratti sarà di 36 mesi, rinnovabili fino al 31 dicembre 2026 in relazione al raggiungimento degli obiettivi del Pnrr.
Portale stile LinkedIn
Il reclutamento avverrà tramite concorsi rapidi e il ricorso al "Portale del reclutamento", una piattaforma "stile LinkedIn" l'ha definita il ministro, dove potranno iscriversi professionisti ed esperti in appositi elenchi.
Per i giovani, il governo ha deciso di potenziare i canali di accesso qualificati, attraverso l’attuazione delle norme che prevedono la possibilità di stipulare contratti di apprendistato.
Brunetta: non creo precari
In conferenza stampa, il ministro ha respinto l'accusa di creare precari, annunciando anche la ripresa del turn over, fermo da 12 anni.
Il decreto prevede che, dopo il 206, chi ha svolto incarichi nel Pnrr abbia una corsia preferenziale per entrare nella Pa, con il 40% per cento di posti nei concorsi pubblici dedicati.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала