Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Parte l’assegno unico: per ogni figlio un contributo di 167 euro

CC BY-SA 4.0 / Mariodelarosa / Elena.bonetti.evento (cropped image)Elena Bonetti, ministra delle Pari opportunità e della Famiglia
Elena Bonetti, ministra delle Pari opportunità e della Famiglia - Sputnik Italia, 1920, 05.06.2021
Seguici su
Approvata la norma che consente a quasi due milioni di famiglie di ricevere dal prossimo mese l’”assegno ponte”, in attesa dell’entrata a pieno regime della misura che andrà a sostituire tutte le misure di aiuto percepite finora dalle famiglie.
Sono 1,8 milioni le famiglie che a partire da luglio riceveranno l’”assegno ponte” da 167,5 euro a figlio approvato ieri dal Consiglio dei ministri. Nuclei familiari che hanno un Isee inferiore ai 50.000 euro e che non ricevono gli assegni familiari.
L’assegno ponte verrà erogato dal 1 luglio al 31 dicembre, in vista dell’entrata a pieno regime, a gennaio, dell’assegno unico e universale del Family Act voluto dal ministro per le Pari opportunità e la Famiglia, Elena Bonetti.
Disoccupati, lavoratori autonomi, percettori del reddito di cittadinanza, immigrati con il permesso di soggiorno e residenti in Italia da almeno due anni potranno avere un assegno mensile legato al numero di figli e all’Isee:
con Isee fino a 7mila euro si avrà diritto a un importo di 167,5 euro a figlio al mese, che diventa, con una maggioranza del 30%, 217,8 euro dal terzo figlio in poi;
dai 15mila euro di Isee l’importo si dimezza e scende a 83,5 euro a figlio;
con un Isee tra 40 e 50mila euro l’assegno sarà di 30 euro a figlio;
se nel nucleo sono presenti più di due figli, l'importo per ciascun figlio viene maggiorato del 30% e per ciascun figlio con disabilità gli importi sono maggiorati di 50 euro.
Il decreto legge approvato ieri prevede anche il parallelo aumento dell’importo degli assegni familiari percepiti da quattro milioni di famiglie: +37,5 euro a figlio, +55 euro dal terzo figlio.
Assegno universale da gennaio
A gennaio entrerà quindi in vigore l’assegno unico e universale per i figli fino a 21 anni, che andrà ad assorbire tutte le misure oggi a favore delle famiglie, dai bonus bebè, ai bonus asili nido, alle detrazioni fiscali per i figli a carico.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала