Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Covid, Ilaria Capua: "Varianti? Falso problema"

© wikicommonsIlaria Capua
Ilaria Capua  - Sputnik Italia, 1920, 04.06.2021
Seguici su
La virologa dell'Università della Florida in un'intervista rilasciata a La Stampa rassicura sulle varianti e parla dell'importanza di condividere le informazioni tra gli scienziati. Ma sui brevetti dice: "La ricerca va protetta".
Le varianti del Covid-19 non devono spaventare, sono un falso problema. Lo ha detto un'intervista a La Stampa la virologa Ilaria Capua, capo del centro ricerca della facoltà di Medicina veterinaria della Florida.
“Le varianti non devono spaventarci più di tanto perché i vaccini che abbiamo attualmente a disposizione, quando vengono somministrati in base ai protocolli, risultano mantenere la loro capacità protettiva, riducendo la trasmissione del virus e azzerando le forme gravi di malattia per tutti i casi di varianti fin qui note“, ha detto.
L'importante è che la seconda dose si faccia "quando è richiesta, altrimenti il livello di protezione potrebbe non essere sufficiente,” ha precisato.
“La priorità è impedire che le persone continuino ad ammalarsi mettendo a rischio la tenuta degli ospedali, e questo si ottiene con la vaccinazione. Quello delle varianti è un falso problema“, ha sottolineato la prof.ssa Capua.

Informazioni e brevetti

La pandemia ha mostrato agli scienziati "quanto sia importante lavorare tutti insieme", prosegue Ilaria Capua.
"Quindici anni fa il mio laboratorio scoprì la prima ‘variante africana’ dell’aviaria. Quella sequenza invece di finire in data base chiusi fu messa a disposizione di migliaia di ricercatori che poterono scaricarla nell’arco di poche ore. Oggi tanti scienziati hanno condiviso quel mio gesto e questo ha consentito di affrontare con armi molto più affilate la pandemia", ha raccontato.
Tuttavia, per quanto riguarda i brevetti, Capua ritiene che la ricerca "va anche protetta per garantirne in futuro il finanziamento“.
l'idea di rimuovere i brevetti sui vaccini anti-Covid è stata sostenuta dall'amministrazione americana del presidente democratico Joe Biden. Tuttavia in America a sorpresa contro questa idea si è espresso il co-fondatore di Microsoft Bill Gates, noto per il suo attivismo a favore della vaccinazione contro il coronavirus. In Europa spicca il no di Angela Merkel alla revoca dei brevetti sui vaccini. Gli amministratori delle case farmaceutiche sviluppatrici dei vaccini si sono espressi contro.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала