Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

“Agli integralisti sì e a me no?”: Marocchino brucia Corano dopo rifiuto asilo in Svezia - Video

© AP Photo / Matt RourkeIl Corano
Il Corano - Sputnik Italia, 1920, 04.06.2021
Seguici su
Dopo che la sua domanda di asilo in Svezia è stata respinta, un uomo marocchino ha diffuso un video in cui brucia una copia del Corano per protesta, chiedendosi per quale motivo il Paese lasci entrare tanti islamisti integralisti mentre a lui, che è ateo e per questo discrimanato anche in patria, abbiano rifiutato la richiesta anche in appello
La sua domanda di asilo era stata rerspinta dall'Agenzia svedese per l'immigrazione e, sebbene la decisione sia stata impugnata, anche la Corte d'appello per la migrazione ha sostenuto la linea dell'autorità, stabilendo che era "ragionevole" chiedere il suo ritorno in Marocco e aspettarsi che "mantenga un profilo basso e si trattenga nelle sue critiche all'Islam e la monarchia per evitare di provocare azioni contro di lui da parte di individui e autorità".
In risposta, l'uomo ha registrato un video in cui brucia una copia del Corano in un'area barbecue e lo ha caricato su YouTube con lo pseudonimo di Skeptic Mohamed.
L'uomo, che si descrive come un ex musulmano, ateo, laico, metallaro e scettico, ha sostenuto che questo atto di "dissacrazione" riguardava "la difesa del suo diritto all'asilo".
"Questo può aumentare drasticamente le mie preoccupazioni per la sicurezza anche qui in Svezia. Ho il dovere di proteggere la mia dignità, sicurezza e libertà, cosa assolutamente impossibile in un paese a maggioranza musulmana come il Marocco in questo momento", ha affermato.
"Anche questo è in sfida alle autorità svedesi per l'immigrazione che mi stanno esplicitamente discriminando perché sono un ateo ex musulmano", ha continuato.
"Mi rifiuto fermamente di stare zitto e nascondermi come queste autorità svedesi per l'asilo mi hanno chiesto di fare mentre gli islamofascisti e i terroristi islamici che ci vogliono morti possono rimanere in Svezia dopo aver distrutto dozzine di paesi a maggioranza musulmana", ha concluso.
L'atto di 'Skeptic Mohamed' ha attirato l'attenzione dei media. Tra gli altri, il quotidiano Aftonbladet ha sottolineato che la stessa Migration Court of Appeal in precedenza aveva stabilito che "non è possibile costringere una persona sinceramente convinta a nascondersi, cambiare o prendere le distanze dalla propria visione della vita".
Inoltre, il giornalista Thord Eriksson ha sostenuto che Mohamed deve aver avuto "la sfortuna di incontrare un muro burocratico di negazionisti dell'asilo" e che i suoi filmati "disturbano l'immagine di sé della Svezia come difensore dei diritti umani".
Nei commenti al video, le reazioni sono state piuttosto polarizzate, spaziando dall’ammirazione alla condanna.
Finora dissacrare il Corano in Scandinavia era stata prerogativa delle organizzazioni anti-islamiche di destra, come il partito danese Hard Line guidato da Rasmus Paludan o Stop Islamization of Norway (SIAN), che vedono questi atti come una manifestazione di libertà di parola.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала