Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Ciliegie: la Regione Puglia si impegna a ridefinire i costi con la grande distribuzione organizzata

© Sputnik . Vitaly Timkiv / Vai alla galleria fotograficaRaccolta ciliegie
Raccolta ciliegie - Sputnik Italia, 1920, 03.06.2021
Seguici su
In seguito alla riunione convocata dall’Assessore regionale all’Agricoltura Donato Pentassuglia, la Regione Puglia si impegna nel ridefinire rapporti di trasparenza e costi con la GDO per evitare speculazioni e deprezzamenti del prodotto.
Il tema delle ciliegie pugliesi arriva in Regione Puglia, dove su richiesta di Coldiretti si è tenuta una riunione volta a prendere atto delle speculazioni in atto sul prodotto e porre rimedio alla situazione con un colloquio con la GDO.
In campagna le ciliegie pugliesi arrivano a costare meno di un caffè, tanto che gli agricoltori preferiscono non raccoglierle, per poi trovare sui banconi dei supermercati ciliegie a cifre esorbitanti.
“Le importazioni di ciliegie dall’estero da Spagna, Grecia e Turchia stanno tra l’altro inquinando il mercato immettendo prodotto estero senza indicazione chiara dell’origine e della provenienza. E’ urgente mettere in campo controlli serrati per assicurare la possibilità ai consumatori di acquistare prodotto locale che, non essendo soggetto a lunghi tempi di trasporto, garantisce freschezza e genuinità uniche”, denuncia Pietro Piccioni, direttore di Coldiretti Puglia.

Necessario promuovere i prodotti italiani all'estero

E' necessario ridefinire rapporti di trasparenza e costi con la GDO, riconoscere i prezzi agli agricoltori che non vadano al di sotto dei costi di produzione elaborati da ISMEA, programmazione e aggregazione di prodotto per le campagne future e promozione sui mercati nazionali ed esteri.
"Servono al contempo nuovi mercati per l’ortofrutta pugliese e maggiori tutele per i produttori circa il prezzo di vendita dei prodotti che possa tutelarli e consentirgli la copertura dei costi di coltivazione, gestione e raccolta dei prodotti così da poter distribuire maggiori ricchezze anche ai lavoratori" ha ribadito Piccioni.
Per sostenere le esportazioni occorre investire sulla competitività del Made in Italy con l'avvio di un progetto “Ortofrutta italiana” per sponsorizzare i prodotti a marchio italiano sui mercati esteri.

Settore che da lavoro a migliaia di nuclei familiari

Migliaia di nuclei familiari a partire dalla sola provincia di Bari, che rappresenta il 96,4% della produzione totale regionale, vedono nel settore della raccolta di ciliegie una costante fonte di reddito.
"Il fabbisogno di lavoro per ettaro di ciliegeto specializzato è pari a circa 600 ore e considerando la produzione provinciale media di ciliegie e la produttività media del lavoro di raccolta, pari a 10 – 15 Kg/h/operaio, il fabbisogno annuo di manodopera raggiunge 2,1 milioni di ore lavorative, tutte raccolte nell’arco temporale di due mesi circa" ha concluso Piccioni.
Ciliegie - Sputnik Italia, 1920, 28.05.2021
Ciliegie della Puglia comprate a un euro e rivendute a 16 a Milano, Cia Bari: basta speculazioni
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала