Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

L'effetto dei raggi Uva e Uvb sul Covid: "Ecco quanto resiste il virus in spiaggia"

© Foto : Evgeny UtkinSpiaggia vuota
Spiaggia vuota - Sputnik Italia, 1920, 01.06.2021
Seguici su
Secondo uno studio italiano i raggi solari sono in grado di distruggere le cellule del virus in 10-20 secondi.
Il Covid è un virus stagionale? Su questo gli esperti si dividono. Eppure sembra ormai certo che i raggi solari siano tra i peggiori nemici del Sars-Cov-2. Ad affermarlo è uno studio svolto dall’immunologo Mario Clerici, professore di Patologia generale all'Università Statale di Milano e direttore scientifico dell'Irccs di Milano Fondazione Don Gnocchi, assieme al team dell'Istituto nazionale di astrofisica.
La ricerca ha evidenziato come i raggi Uva e Uvb siano capaci di uccidere il virus in una ventina di secondi. E l’effetto potrebbe essere addirittura accelerato in spiaggia o nell’acqua per effetto del riverbero che li amplifica.
Inizialmente erano stati presi in considerazione dagli studiosi solamente i raggi Uvc, capaci di distruggere il virus nello stesso tempo. Questi, però, non arrivano sulla Terra, al contrario di quelli Uva e Uvb.
Gli esperimenti sono stati svolti attraverso un macchinario che produce diversi tipi di raggi solari, ai quali sono state sottoposte le cellule del virus. “La quantità di virus che è quella che nei pazienti provoca il Covid severo - ha spiegato Clerici all’Adnkronos Salute – si inattiva nel giro di pochi secondi”.
La scoperta rassicurante potrebbe avere, quindi, anche delle applicazioni pratiche, aprendo ad un possibile utilizzo dei raggi Uva e Uvb per disinfettare ambienti e oggetti.
Infine, chiariscono gli esperti, c’è un motivo perché il virus si sia diffuso così prepotentemente anche in luoghi dal clima tropicale come India e Brasile. Il sole, infatti, può darci una mano nella lotta al virus, ma non è l’unica variabile da considerare.
I bagni nel Gange e la stagione dei monsoni, hanno contribuito a far impennare i contagi in India, mentre in Brasile si è pagata la gestione “Covid-scettica” da parte del governo di Bolsonaro.

Le regole da seguire in spiaggia

Per questo, sarà importante mantenere la prudenza anche sulla battigia. Nei giorni scorsi Cts e Regioni avevano raccomandato agli stabilimenti balneari di definire “il numero massimo di presenze contemporanee” all’interno delle strutture, sia all’aperto, sia al chiuso e di creare percorsi ad hoc per evitare assembramenti in entrata e in uscita.
Sempre per ridurre al minimo i contatti, tra le raccomandazioni c’era anche quella di ampliare il più possibile le zone d’ombra.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала