Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Reportage ‘sul campo’: Giornalista radio danese fa sesso in onda per servizio su club scambisti

Prostituzione - Sputnik Italia, 1920, 31.05.2021
Seguici su
La giornalista danese della Radio4, Louise Fischer, ha voluto realizzare un reportage in particolar modo ‘realistico’ su quello che è il riservato mondo degli scambisti. Per la riapertura di un club privato, si è voluta mimetizzare tra i frequentatori, partecipando alle loro attività registrando tutto.
Una sequenza di dieci minuti piuttosto insolita per un servizio andato in onda al mattino, ma la giornalista della danese Radio4 si è voluta immergere anima e corpo, per realizzare un reportage di giornalismo vero, ha spiegato, e raccontare una realtà che in altro modo non si sarebbe rivelata a pieno.
La Fischer ha descritto gli ambienti scambisti come una tabù a parte, molto aperta internamente ma anche molto chiusa esternamente – un mondo precluso a chi non appartiene a quell’ambito. Questo il motivo per cui ha voluto darne una visione informativa anche a chi a quel mondo non appartiene.
Ma come fare in modo che gli scambisti del club Ishøj, vicino alla capitale Copenaghen, per la cui lei avrebbe dovuto coprire la riapertura, si potessero del tutto aprire alla sua intervista e poter creare un reportage veramente autentico?
La risposta è nell’audio registrato e che Radio4 non solo ha mandato in onda ma anche pubblicato su tutti i suoi canali social.
Al quotidiano Jyllands-Posten la giornalista ha poi spiegato che sa di non aver comunque fornito una visione completa ma che crede sia riuscita a creare almeno una sorta di fiducia e credibilità con loro camuffandosi e partecipando alle attività.
Riguardo alla sua emittente ha poi assicurato che l’iniziativa è stata tutta sua e la redazione le ha solo dato il via libera.
"Hanno pensato che potesse essere un nuovo punto di vista, e si sono assicurati che avrei fatto solo quello che avrei voluto di mia spontanea volontà", ha detto.
In interviste successive la Fischer non si è detta affatto pentita dell’esperimento e anzi lo ha descritto come uno dei sui giorni più speciali di lavoro.

"È stato divertente provare, ma è stato anche difficile mantenere la piena concentrazione", ha detto, aggiungendo anche un credito per il suo ‘intervistato’: “È importante dire che non è stato un uomo che mi ha solamente speronata con il suo pene. Abbiamo avuto anche un buon dialogo e parlato strada facendo".

I suoi capi hanno successivamente elogiato il sorprendente reportage come un modo intelligente per entrare in un mondo chiuso.
"Penso che sia bello quando i nostri giornalisti sperimentano il fare giornalismo in un modo diverso", ha detto a Jyllands-Posten la redattrice capo di Radio4, Tina Kragelund, la quale ritiene che tutto ciò sia un buon modo per "sfidare un po' gli ascoltatori" e consentire loro di ripensare alla radio del mattino.

Reazioni alterne

Secondo la stessa Fisher i feedback sono stato per lo più positivi.
"Le persone mi hanno scritto cose come 'grande rispetto', 'coraggio' e 'buon giornalismo'", ha detto.
Sui social, invece, le reazioni sono state più contrastanti. Alcuni hanno parlato di una forma di fatto di prostituzione, dato che comunque erano stati associati sesso e lavoro, altri hanno accusato che si sia trattato null’altro che una furba scusa per fare scoop giornalistico e pubblicità, altri hanno parlato di degrado e decadenza.
Ma anche sugli spietati social non sono mancati i complimenti, per molti è stata "la decisione indipendente di una donna adulta di realizzare qualcosa di autentico e originale".
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала