Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Una superprocura europea per contrastare le frodi fiscali: ecco come funzionerà

CC BY-SA 2.0 / MPD01605 / EU FlaggaBandiera Unione Europea
Bandiera Unione Europea - Sputnik Italia, 1920, 30.05.2021
Seguici su
Entrerà in funzione da domani l'European public prosecutor's office (Eppo), la procura europea che si occuperà di indagare sui reati contro il budget dell'Ue e perseguirli.
Sarà operativa da domani a Lussemburgo la nuova procura europea, il primo ufficio sovranazionale che sarà incaricato di perseguire i reati finanziari, sul territorio dell’Ue. L’European public prosecutor's office (Eppo) è stato istituito da un regolamento del 2017 come organo indipendente per contrastare i crimini contro il bilancio.
Come ricorda Italia Oggi, tra le prerogative dell’organismo giudiziario, indipendente sia dalle istituzioni Ue, sia dagli Stati membri, ci sarà quella di indagare e agire in sede giudiziale sui reati contro il budget dell’Unione, come frodi su spese ed entrate, frodi transfrontaliere sull’Iva a partire da 10 milioni di euro, riciclaggio di fondi derivanti da frodi al bilancio, corruzione, appropriazione indebita ed in generale tutte le attività illegali che hanno a che fare con il bilancio dell’Unione.
La super procura, che verrà diretta dal magistrato romeno Laura Codrua Kövesi, già nominata primo procuratore capo europeo, lavorerà spalla a spalla con le altre agenzie comunitarie, come l’Ufficio europeo per la lotta anti-frode (Olaf), l’Eurojust e l’Europol, oltre a coordinarsi con le autorità giudiziarie degli Stati membri.
Il 27 luglio del 2020 il Consiglio Ue ha nominato i procuratori che formeranno il collegio dell’organo. Ce ne sarà uno per ogni Stato membro e resteranno in carica sei anni. Il loro mandato non sarà rinnovabile.

Ogni anno, secondo i dati diffusi dal Consiglio europeo, gli Stati membri perdono almeno 50 miliardi a causa delle frodi transnazionali. Poi c’è la questione dei fondi strutturali dell’Ue. Nel 2015, ad esempio, 638 milioni di euro sono stati utilizzati in modo improprio.

Ora a far luce su queste irregolarità sarà la procura europea, nata per facilitare il compito delle procure nazionali, che non possiedono strumenti adatti per perseguire le frodi transnazionali.
A differenza dell’Olaf e di Eurojust, inoltre, l’Eppo potrà anche avviare indagini e azioni penali negli Stati membri, rendendo quindi più efficace il contrasto a questo tipo di reati.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала