Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Palù ricorda che il vaccino Pfizer 12-15 anni copre al 100%

© Foto : fornita da Giorgio PalùGiorgio Palù
Giorgio Palù - Sputnik Italia, 1920, 30.05.2021
Seguici su
Presto avremo il vaccino Pfizer anche per la fascia di età compresa tra i 12 ed i 15 anni. Per loro la copertura è del 100%.
Il presidente dell’Aifa, Piero Palù, ricorda che il vaccino Pfizer per la fascia di età 12 – 15 anni ha una efficacia del 100%.
Il vaccino è stato approvato in data 28 maggio 2021 dall’Ema, l’autorità del farmaco europea, e si è in attesa che anche l’Aifa, l’autorità italiana equivalente, approvi il farmaco per l’uso in emergenza in Italia.
Palù non ha potuto dare l’ufficialità perché l’Aifa non lo ha ancora fatto, ma il via libera dovrebbe arrivare presto.
Anche la vaccinazione “avverrà nei tempi più rapidi possibili”, ha affermato il presidente dell’Aifa.
“Gli studi che ho letto indicano che l’efficacia è del 100%, molto elevata la protezione dopo la prima dose, al 100% dopo la seconda dose”, ha riferito partecipando alla trasmissione della giornalista Lucia Annunziata su Rai 3.
E per quanto riguarda gli effetti collaterali ci tiene a tranquillizzare i genitori: “Gli effetti avversi sono minimi, quello che posso dire è che le indicazioni ministeriali sono sempre state quelle di tutta Europa, cioè proteggere i più gracili e poi proteggere gli adolescenti per limitare la catena del contagio”.

La variante indiana c’è o non c’è anche in Italia?

“La variante indiana circola anche da noi, ma è meno dell’1%”, ha spiegato il professore Palù. Quella con la maggiore presenza è la variante inglese con “oltre il 90%” di presenza nel sequenziamento dei tamponi molecolari.
In alcune regioni c’è una discreta presenza anche della variante brasiliana, ovviamente abbiamo anche la nigeriana e la sudafricana, “quindi le abbiamo tutte, ma per definire pericolosissima una variante bisogna aver accertato o su esperimenti animali o con dati clinici ed epidemiologici che c’è un aggravamento della condizione e questo non è vero”, ha concluso il direttore dell’Aifa.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала