Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Tutti i dubbi social sul "green pass": dalla libertà di movimento al costo del tampone

© AP Photo / Elise AmendolaTampone al coronavirus
Tampone al coronavirus - Sputnik Italia, 1920, 29.05.2021
Seguici su
Secondo un'indagine dell'agenzia Agi l'80 per cento degli utenti social sarebbero contrari all'introduzione del "green pass" per viaggiare o partecipare alle cerimonie.
L’80 per cento degli italiani è contrario al “green pass” per viaggiare all’interno dell’Ue o partecipare agli eventi. Almeno sui social. È quanto rivela una ricerca delll'Agi, che ha analizzato il sentiment della rete sul lasciapassare che dal primo di luglio consentirà a vaccinati, persone guarite dal Covid o con un tampone negativo effettuato almeno 48 ore prima della partenza, di spostarsi liberamente in Europa senza fare la quarantena.
Pierpaolo Sileri - Sputnik Italia, 1920, 27.05.2021
Covid Italia, Sileri: "Green pass elettronico con il QR code"
Le perplessità riguardano principalmente due aspetti. Il primo è quello del principio della libertà di circolazione, che per i critici verrebbe meno con il certificato, che sarà disponibile in forma digitale sulla app “Io”, la stessa usata per il rimborso sui pagamenti elettronici.

Poi c’è il nodo del costo del tampone molecolare, che in alcune regioni, secondo un’indagine di Altroconsumo, arriva a costare fino a 65 euro. Chi sosterrà la spesa per coloro che non hanno potuto ancora vaccinarsi, si domandano in molti.

Secondo la stessa agenzia di stampa, ogni volta che nel dibattito politico è stato sollevato il tema del “green pass”, come ad esempio quando la Lega ha votato a favore del provvedimento nel parlamento Ue, quando il premier Draghi ha annunciato l’entrata in vigore del pass verde nazionale e del green pass per le cerimonie come matrimoni e battesimi, sono stati migliaia i post sui social. Oltre 20mila, stando ai dati degli analisti dell’Agi, la maggior parte critici nei confronti della misura.
Il pass verde, in generale, viene invocato dagli operatori turistici per far ripartire il settore in vista della bella stagione, mentre ad osteggiarlo, sempre secondo la stessa rilevazione, sono gli elettori dei partiti di centrodestra, come Lega e Fratelli d’Italia, formazione che ha criticato lo strumento anche in Parlamento.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала