Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Strage Piazza della Loggia, Mattarella: democrazia, libertà e diritti sono riusciti a prevalere

© Ufficio Stampa QuirinaleIl presidente Mattarella
Il presidente Mattarella - Sputnik Italia, 1920, 28.05.2021
Seguici su
Il 28 maggio 1974 una bomba nascosta in un cestino portarifiuti è esplosa a Brescia durante una manifestazione antifascista in piazza della Loggia, provocando la morte di 8 persone. Il capo dello Stato ha ricordato oggi l'attentato di matrice neofascista che si incastona nella cosiddetta "strategia della tensione".
Nel 47esimo anniversario della strage di Piazza della Loggia a Brescia il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha ricordato le vittime uccise durante una manifestazione da una bomba piazzata all'interno di un cestino portarifiuti.
"La Repubblica mai dimenticherà le vittime innocenti di Piazza della Loggia, l’incancellabile dolore dei familiari", ha affermato il capo dello stato.
Mattarella ha sottolineato che la strage del 28 maggio di "matrice neofascista, accertata dai procedimenti giudiziari" è stata una "ferita profonda inflitta non soltanto alla città di Brescia ma a tutta la comunità nazionale" in quanto faceva parte di "un’azione eversiva che aveva lo scopo di indebolire la democrazia, colpire le libertà costituzionali, seminare paura e, in questo modo, ostacolare la partecipazione civile, sindacale, politica".
Con queste parole ha ricordato la strategia della tensione, la catena di attentati che in quegli anni minacciava le "conquiste di civiltà, che gli italiani avevano con sacrificio raggiunto dopo il fascismo e la guerra".
"La Repubblica ha saputo reagire alla disumanità dei terroristi e ai miti autoritari che li ispiravano con l’unità del popolo che è rimasta presidio del bene comune in tutti i momenti più difficili della storia nazionale. Grazie all’unità degli italiani la democrazia, le libertà, i diritti sono riusciti a prevalere", ha ribadito.
Infine Mattarella ha manifestato solidarietà e vicinanza a parenti, amici e compagni esprimendo riconoscenza per l’impegno civile profuso in nome della verità e della giustizia
Nella strage di Piazza della Loggia morirono 8 persone e altre 102 rimasero ferite durante una manifestazione antifascista. Per l'attentato vennero indagati diversi esponenti dell'organizzazione neofascista Ordine Nuovo, ma solo due vennero condannati al carcere a vita.
Il ministro della Giustizia Marta Cartabia non potrà essere a Brescia per la commemorazione, ma parteciperà alla cerimonia da remoto.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала