Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Licenziamenti, Cisl: "Sblocco tsunami occupazionale, a rischio quasi 600 mila posti di lavoro"

© AFP 2021I lavoratori assemblano auto elettriche in una fabbrica di Zouping, nella provincia di Shandong, nella Cina orientale, il 16 settembre 2014
I lavoratori assemblano auto elettriche in una fabbrica di Zouping, nella provincia di Shandong, nella Cina orientale, il 16 settembre 2014 - Sputnik Italia, 1920, 28.05.2021
Seguici su
Il segretario generale Luigi Sbarra avverte sul rischio occupazionale rappresentato dallo stop alla proroga dei licenziamenti. Oggi manifestazione unitaria di Cisl, Cgil e UIl a Roma per chiedere l'estensione del blocco e la tutela dell'occupazione.
Lo sblocco dei licenziamenti potrebbe provocare la perdita di quasi 600.000 posti di lavoro che andrebbe ad aggiungersi al milione già persi nell'ultimo anno. Questo l'avvertimento del segretario generale della Cisl, Luigi Sbarra, che parla di una vera e propria "bomba sociale" provocata da uno "tsunami occupazionale".
"C’è la consapevolezza che la fine del blocco possa rappresentare uno tsunami occupazionale, una bomba sociale. Dopo aver già perso un milione di posti è un lusso che non ci possiamo permettere”, ha affermato Sbarra in un'intervista rilasciata a La Stampa.
La perdita stimata da Banckitalia è di 577 mila posti di lavoro in meno per lo sblocco della moratoria sui licenziamenti. Queste le cifre citate da Sbarra, che sarebbero confermate negli ambienti di governo.
"Non a caso - prosegue anche i partiti che sostengono il governo nei giorni scorsi in Parlamento hanno presentato emendamenti per chiedere una proroga, alcuni anche sino a fine anno", ma una proroga ad agosto per la Cisl è una misura "debole, largamente insufficiente e sicuramente non riesce ad arginare il rischio della perdita di centinaia e centinaia di migliaia di posti di lavoro".

Nessuna mediazione

Per il segretario generale della Cisl il testo approvato è un "pasticcio frutto della mancanza di dialogo e di concertazione". Non può bastare una proroga ma servono "profondi cambiamenti e miglioramenti".
"E’ mancata proprio la mediazione sociale" con i sindacati, spiega.
Per questo i sindacati non condividono il provvedimento anche per una "ragione di metodo". Ad oggi, spiega, esattamente "come 14 mesi fa abbiamo ancora davanti tanta occupazione precaria, ammortizzatori non rinnovati, politiche attive non avviate e non abbiamo un piano nazionale per la formazione e la crescita delle competenze”.
Manifestazione dei lavoratori della Whirlpool a Napoli - Sputnik Italia, 1920, 26.05.2021
Stop blocco licenziamenti, lavoratori Whirpool: la politica non può assistere inerme
La richiesta di Cisl è di postare a fine ottobre la fine del blocco per tutti e lavorare per riformare gli ammortizzatori sociali, avviare le politiche attive, finanziare un piano per la formazione, allungare la durata della Naspi togliendo il décalage, investire sui contratti di solidarietà sia difensivi che espansivi.
"L’obiettivo - sottolinea Sbarra - deve essere zero licenziamenti”.

No a tensioni sociali

La Cisl non è intenzionata a proseguire per la strada dello sciopero generale, il segretario Sbarra chiarisce che questo deve essere il momento del confronto, non delle tensioni sociali, sottolineando che la priorità del governo deve essere quella di sbloccare gli investimenti, non i licenziamenti.
"Questa stagione deve impegnare tutti al rilancio del dialogo e del confronto: io penso ad una stagione vera di rinnovata concertazione, penso ad un nuovo patto sociale, per la crescita, lo sviluppo, il lavoro, il contrasto alle diseguaglianza e alla povertà. Non servono tensioni, bisogna eliminare contrapposizioni", chiarisce.
I sindacati Cgil, Cisl e Uil hanno lanciato una mobilitazione contro i morti del lavoro e nell'ambito di questa iniziativa di protesta manifesteranno oggi in piazza Montecitorio per chiedere la proroga del blocco licenziamenti.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала