Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Rapporto Istat svela le abitudini dei giovani italiani sul consumo di alcol e sigarette

CC BY 2.0 / Jake Bradley / La birra Corona
La birra Corona - Sputnik Italia, 1920, 27.05.2021
Seguici su
In aumento il consumo di alcol nella fascia tra gli under 18, mentre è in calo la percentuale dei fumatori giovanissimi.
Gian Carlo Blangiardo, presidente Istat, ha presentato quest'oggi uno studio della Commissione parlamentare per l'infanzia e l'adolescenza sulle abitudini di giovani e giovanissimi, con particolare riferimento all'uso di alcol e fumo tra gli under 18.
Ma ecco dunque qualche numero relativo al rapporto con le bevande alcoliche e il tabacco tra i giovani italiani.

Alcol

Dall'indagine è emerso che, nel corso del 2020, il 18,2% dei ragazzi e il 18,8% delle ragazze di età compresa tra gli 11 e i 17 anni hanno consumato almeno una bevanda alcolica nel corso dell'anno.
In prevalenza il risulto di alcol tra i giovani risulta essere di natura occasionale 17,6%) e avviene in misura considerevole lontano dai pasti (8,7%).
La bevanda che riscontra il maggiore successo tra i maschi in questa fascia d'età è la birrra (14,3%), seguita dagli aperitivi alcolici, gli amari e i superalcolici (12,4%). Percentuali simili per le ragazze, che preferiscono però aperitivi alcolici, gli amari e i superalcolici (13,5%) alla birra (12,2%).
Tali valori, all'apparenza contenuti, risultano tuttavia essere molto elevati in considerazione del fatto che il consumo zero è indicato come livello di riferimento dal Ministero della Salute per la popolazione di età inferiore ai 18 anni di entrambi i sessi
"E' assolutamente rilevante il fatto che, nella fascia di età 11-17 anni, il 18,5% abbia consumato almeno una bevanda alcolica nell'anno, valore che dovrebbe invece tendere allo zero", ha osservato il professor Blangiardo.
A risultare particolarmente problematico, in questo senso, è il cosiddetto binge drinking, ovvero l'assunzione consapevole di alcol finalizzata all'ubriachezza, che risulta essere particolarmente diffusa tra gli adolescenti.
Indicativo il fatto che il livello di ubriacatura tra i 16-17enni raggiunge livelli che sono sostanzialmente sovrapponibili con quelli medi della popolazione (6,5% contro 7,6% della popolazione di 11 anni e più.
Una ragazza e le bevande alcoliche - Sputnik Italia, 1920, 13.05.2021
ISS: consumo di alcol in aumento in Italia, soprattutto tra i giovanissimi

Tabacco

Situazione diversa per quanto riguarda il consumo di tabacco, con un 6,3% della popolazione tra i 14 e i 17 anni che dichiara di fumare regolarmente.
In questo senso, si registra un leggero calo se si confronta il dato con il 2010, quando i giovani tra i 14 e i 17 anni che consumavano tabacco costituivano l'8%.
Significativa, seppur ancora contenuta, la diffusione della sigaretta elettronica,, che raggiunge l'1,7% dei consumatori di età compresa tra i 14 e i 17 anni e il 3,5% di quelli tra i 14 e i 24.
Interessante, infine, il fatto che spesso e volentieri ad influenzare il comportamento dei figli sia quello dei genitori, con il 35,1% dei giovani di età compresa tra i 14 e i 24 anni e i cui genitori sono fumatori che a loro volta hanno l'abitudine al fumo, rispetto all'11,5% dei ragazzi che invece vivono in famiglie con nessun genitore fumatore.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала