Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

La Danimarca usa il Corano per convincere i musulmani a vaccinarsi

© AP Photo / Matt RourkeIl Corano
Il Corano - Sputnik Italia, 1920, 27.05.2021
Seguici su
La Danimarca, come molti altri paesi europei, ha visto tassi di vaccinazione COVID-19 più bassi tra la sua popolazione musulmana. Per affrontare il loro maggiore criticismo, l'Ufficio Nazionale della Sanità del Paese scandinavo si è alleato con gli imam e le organizzazioni islamiche per convincere i musulmani a farsi vaccinare.
È ḥalāl essere vaccinati? Cioè è conforme alla religione musulmana? E cosa pensava il profeta Maometto della medicina? Queste sono alcune delle domande affrontate in un controverso opuscolo delle autorità sanitarie danesi al fine di aumentare i tassi di vaccinazione tra i musulmani del Paese.
In tale opuscolo, pubblicato sulla pagina dello Statens Serum Institut, un istituto di ricerca di Copenaghen che si occupa di prevenire malattie infettive, disturbi congeniti e minacce da armi di distruzione di massa, le idee sbagliate e le cospirazioni che dissuadono i musulmani dal farsi vaccinare vengono confutate una per una proprio assicurando che i vaccini ‘rispettano il Corano’.
Ad esempio, il libretto assicura che non c'è motivo di temere che il vaccino contenga alcol, gelatina di suini o cellule di feti, né c'è motivo di credere che l'iniezione possa danneggiare il DNA della fertilità di coloro che vengono vaccinati.
Un cinghiale nel bosco - Sputnik Italia, 1920, 26.03.2021
Svezia, testa di cinghiale posta su Corano – dopo il caso dell’aggressore afghano si teme escalation
Nella prefazione all'opuscolo, il direttore generale dell'Autorità sanitaria danese Søren Brostrøm sottolinea che migliaia di domande sul COVID-19 riceveranno risposta nel testo. Tuttavia, a parte i professionisti medici, alcune delle risposte si basano su interpretazioni del Corano.
"Le organizzazioni musulmane che supportano questo opuscolo hanno pieno rispetto per il fatto che ci possono essere molte interpretazioni degli insegnamenti islamici e che le interpretazioni che emergono qui non sono condivise da tutti. Pertanto, ogni individuo è incoraggiato a impegnarsi in un dialogo con le proprie guide spirituali, consulenti e operatori sanitari ", ha scritto nella prefazione Naveed Baig, imam dell'ospedale e collaboratore dell'opuscolo.
Tra le altre cose, il libretto fa riferimento alla fiducia in Allah, suggerendo che "la fiducia in Dio e l'auto-aiuto attivo vanno di pari passo e non sono opposti".
Inoltre, i musulmani sono rassicurati dal fatto che lo stesso profeta Maometto abbia ricevuto cure mediche. Inoltre, sottolinea che i musulmani possono visitare la Mecca solo se vengono vaccinati, citando un requisito delle autorità sanitarie saudite.
Poiché è piuttosto insolito per lo Stato danese utilizzare argomenti islamici nelle campagne sanitarie, l'opuscolo ha suscitato una forte reazione.
Il portavoce dei conservatori Marcus Knuth lo ha definito una "pazzia delirante".

"Prima di tutto, riflette la mancanza di integrazione in alcune comunità musulmane, inoltre dimostra il fatto che le moschee costituiscano una così grande autorità, non solo in campo religioso, ma anche in ambito sanitario", ha detto al quotidiano Kristeligt Dagblad.

Il servizio sanitario ha giustificato le sue azioni con incomprensioni sorte nelle comunità musulmane. L'agenzia si è sentita costretta ad allearsi con le autorità musulmane per stroncare sul nascere i malintesi sull'Islam e sui vaccini.
"Pertanto, il volantino è diviso in due parti. Una che riguarda gli operatori sanitari, dove risponde il National Board of Health, e l'altra è scientifica. E poi è chiaro che ci sono alcune sovrapposizioni dove c'è input da entrambe le parti", ha detto Niels Sandø Pedersen dell’Ufficio Sanitario.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала