Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Google: ecco Fuchsia, il nuovo sistema operativo che potrebbe essere l'erede di Android

© AP Photo / Alastair GrantLogotipo di Google
Logotipo di Google - Sputnik Italia, 1920, 27.05.2021
Seguici su
Il nuovo OS di Google sarà almeno inizialmente testato da un numero ristretto di utenti che si erano in precedenza iscritti alla beta.
Google ha rilasciato un nuovo sistema operativo, Fuchsia, che sarà finalmente disponibile per il pubblico a ben 5 anni dall'annuncio.
Come riportato dal sito web 9to5Google, si tratta d un OS che dovrebbe fare la propria apparizione sulla generazione originale dello smart display Nest Hub, con una release che almeno inzizialmente sarà dedicata unicamente agli utenti iscritti al programma di beta.
Tale platea dovrebbe però essere allargata nei prossimi mesi anche agli utenti possessori di altri device coinvolti nell'operazione.

Che cos'è Fuchsia

Basato sul microkernel Zircon, Fuchsia era stato presentato nel 2016 come un sistema operativo in grado di dare la priorità a sicurezza, aggiornabilità e prestazioni.
Al momento non è previsto che esso vada a prendere il posto di Android, anche in virtù dell'estrema diffusione dell'OS del robo nel mercato internazionale.
A livello puramente teorico, dunque, è più facile immaginare una convivenza tra i due sistemi operativi della casa di Mountain View per i prossimi anni.
Google Play online store, Russian version - Sputnik Italia, 1920, 23.04.2021
Google Play Store, 120.000 app dannose eliminate nel corso del 2020

Poche novità?

Ad una prima analisi, nonostante gli anni di attesa da parte degli utenti, il nuovo sistema operativo di Google sembra davvero prevedere molte poche nuove feature, almeno lato utente.
Non risultano cambiamenti significativi né all'interfaccia utente, né alle funzionalità del device Nest Hub ad esso collegato, e si ha dunque l'impressione che Google abbia voluto più che altro tastare il mercato e la risposta degli utenti.
Di maggior rilievo, invece, le novità per quanto riguarda il lavoro degli sviluppatori, a partire dal nuovo microkernel Zircon interamente sviluppato da Google, così come Flutter, il toolkit per UI e linguaggio di sviluppo principale del sistema operativo.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала