Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Alto commissario diritti umani UE: attacchi israeliani a Gaza potrebbero essere crimini di guerra

© AP Photo / Ariana CubillosU.N. High Commissioner for Human Rights Michelle Bachelet
U.N. High Commissioner for Human Rights Michelle Bachelet - Sputnik Italia, 1920, 27.05.2021
Seguici su
Michelle Bachelet ha condannato le violenze in Palestina, invitando anche la leadership di Hamas a mettere fine al lancio di razzi sul territorio di Israele.
L'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani Michelle Bachelet ha affermato che gli attacchi mortali di Israele a Gaza potrebbero essere considerati crimini di guerra se si dimostrassero sproporzionati.

La Bachelet, aprendo una sessione speciale del Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite, convocata su richiesta degli stati musulmani, ha affermato di non aver visto alcuna prova che gli edifici civili a Gaza colpiti dagli attacchi israeliani fossero utilizzati per scopi militari.

"Qualora trovati sproporzionati, tali attacchi potrebbero costituire crimini di guerra", ha detto al forum di Ginevra, composto da 47 membri, la Bachelet.

La funzionaria delle Nazioni Unite ha poi esortato la leadership di Hamas a Gaza ad astenersi dal lanciare razzi indiscriminati su Israele.
Allo stesso tempo la Bachelet ha puntualizzato che la tensione rimane alta in Palestina anche e soprattutto a causa degli sfratti da parte delle autorità israeliane.
"Il rischio di sfratti rimane e continua ad alimentare le tensioni. Tali sfratti dovrebbero cessare in linea con gli obblighi di Israele ai sensi del diritto internazionale. Esorto le autorità israeliane a interrompere immediatamente il processo di sfratto", ha concluso.

Le tensioni a Gaza

Le parti del conflitto israelo-palestinese causa hanno concordato un cessate il fuoco lo scorso giovedì, 11 giorni dopo l'inizio degli scontri a Gerusalemme est, provocati dalle sentenze dei tribunali per sfrattare le famiglie palestinesi dal quartiere di Sheikh Jarrah e il divieto, sempre per i palestinesi, di visitare alcuni luoghi sacri durante il Ramadan.
Gli scontri tra i palestinesi e la polizia israeliana a Gerusalemme Est all'inizio di maggio hanno provocato il lancio reciproco di razzi tra Hamas e Israele, con quasi 300 vittime complessive.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала