Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Roma, Pierluigi Battista alla Raggi: "Da 2 mesi attendo sepoltura di mia madre"

© AP Photo / Alessandra TarantinoVirginia Raggi, sindaco di Roma
Virginia Raggi, sindaco di Roma - Sputnik Italia, 1920, 26.05.2021
Seguici su
Tumulazioni in tilt a Roma dove oltre 2.000 bare accatastate nei cimiteri attendono la sepoltura. Solo un mese fa un parlamentare del PD aveva sollevato un'analoga questione.
Il giornalista di HuffPost Pierluigi Battista lancia dal suo profilo social un appello alla sindaca di Roma, Virginia Raggi.
"Gentile sindaca Raggi , a due mesi dalla morte di mia madre l’urna con le sue ceneri giace in un deposito stracolmo senza possibilità di ritirarla o di darle sepoltura. Tra un comizio e una strada che sprofonda avrebbe la gentilezza di provvedere?", scrive su Facebook.
L'emergenza tumulazioni travolge la capitale e le segnalazioni di cittadini che da mesi attendono la sepoltura dei propri cari sono sempre più frequenti.
Appena un mese fa il deputato del PD Andrea Romano aveva denunciato i lunghi tempi di attesa per la tumulazione del figlio, morto improvvisamente a febbraio.
Né Ama né la sindaca sono riusciti finora a dare risposte. Secondo quanto riportato dal quotidiano La Repubblica, infatti, nei depositi comunali ci sarebbero 2 mila bare accatastate ancora in attesa di degna sepoltura.

Il cartellone pubblicitario shock

Alcune settimane fa un imprenditore che gestisce cartelloni pubblicitari nella città e la cui madre è morta a 85 anni, ha affisso su 250 cartelloni pubblicitari della Capitale il messaggio:
“Scusa mamma se non riesco a farti tumulare”.
Anche le pompe funebri si scusano con le famiglie e vanno in giro con i carri funebri con la scritta:
“Scusateci, Ama non ci dice quando possiamo seppellire i vostri cari”.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала