Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Moderna e Pfizer rifiutano di vendere vaccini agli Stati indiani: i centri chiudono per carenza

© REUTERS / Dado Ruvic / IllustrationVaccino contro il Covid Moderna
Vaccino contro il Covid Moderna - Sputnik Italia, 1920, 24.05.2021
Seguici su
Diversi Stati indiani segnalano una carenza di vaccini. Alcuni Stati hanno deciso di optare per gare d'appalto interstatali per procurarsi dosi di vaccino per soddisfare la crescente domanda.
Arvind Kejriwal, capo dello stato della capitale nazionale dell'India, ha dichiarato questo lunedì che le aziende farmaceutiche statunitensi - Pfizer e Moderna - si sono rifiutate di vendere i loro vaccini contro il coronavirus a Delhi.
Kejriwal ha riferito ai media locali che i produttori di vaccini hanno detto che "tratteranno con il governo centrale".
Delhi è uno degli Stati più colpiti dalla seconda ondata di coronavirus. Kejriwal ha dovuto chiudere più di 100 centri vaccinali per carenza di dosi e ha dovuto sospendere le vaccinazioni anche per chi ha tra i 18 e i 44 anni. Di conseguenza, il capo dello stato di Delhi ha chiesto al governo centrale di importare i vaccini e di distribuirli agli Stati.
La scorsa settimana Moderna aveva rifiutato una richiesta di fornire vaccini avanzata dallo Stato del Punjab, affermando che può trattare solo con il governo indiano.
Più di una dozzina di Stati hanno pubblicato una gara d'appalto unica per ottenere i vaccini: anche Delhi è in procinto di finalizzarne una e ha parlato con i produttori di tutto il mondo.
Domenica, Kejriwal ha rivelato che sta parlando personalmente con i produttori di tutto il mondo e ha affermato che il prezzo non sarà un ostacolo per l'acquisto di vaccini.
Kejriwal ha aggiunto che la città ha bisogno di 8 milioni di vaccini al mese. Il governo vuole completare la campagna vaccinale in tre mesi.
Finora, l'India ha autorizzato tre vaccini in uso di emergenza: Bharat Biotech's Covaxin, Serum Institute of India's Covishield - sviluppato in collaborazione con l'Università di Oxford e il gigante farmaceutico britannico AstraZeneca - e il russo Sputnik V.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала