Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Covid, nuovi referti su malattia ricercatori di Wuhan possono mettere in dubbio la sua origine

© AP Photo / HECTOR RETAMALLaboratorio P4 dell’Istituto di Virologia di Wuhan
Laboratorio P4 dell’Istituto di Virologia di Wuhan - Sputnik Italia, 1920, 24.05.2021
Seguici su
Lo scoppio del Covid risale a dicembre 2019, quando la città di Wuhan ha registrato i primi casi di quella che sarebbe diventata rapidamente una pandemia globale. Mentre l'OMS ha concluso che il virus era stato diffuso dai pipistrelli, alcuni ancora si interrogano sulle origini del virus, sostenendo che potrebbe essere uscito da un laboratorio.
Tre ricercatori del Wuhan Institute of Virology cinese erano abbastanza malati da finire in ospedale prima di quando si afferma che l'epidemia di coronavirus sia iniziata, secondo un nuovo rapporto dell'intelligence statunitense, precedentemente non divulgato, citato dal Wall Street Journal domenica.
Secondo i dettagli appena divulgati, i ricercatori medici con sede a Wuhan si sono ammalati nell'autunno 2019 "con sintomi coerenti sia con Covid-19 che con malattie stagionali comuni". Il WSJ ha anche citato diverse persone che hanno familiarità con l'intelligence che, tuttavia, sembrano essere divise sulle nuove informazioni.
Alcuni hanno messo in dubbio le prove a sostegno delle informazioni e hanno osservato che sono ancora necessarie ulteriori indagini. Altri ritengono che la nuova valutazione sia affidabile.

"Le informazioni che avevamo provenienti dalle varie fonti erano di ottima qualità, molto precise. Quello che non ci hanno detto era esattamente il perché [i ricercatori] si fossero ammalati", ha detto una persona anonima al WSJ.

Le origini della pandemia globale di coronavirus che ha causato caos in tutto il mondo nel corso del 2020 sono ancora oggetto di accesi dibattiti, anche alla luce di un rapporto di marzo dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) che ha suggerito che il virus molto probabilmente si sia diffuso all'uomo dagli animali.
La teoria secondo cui il coronavirus è sfuggito a un laboratorio cinese, pubblicizzata da molti, compresa l'amministrazione dell'ex presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, è stata etichettata da un team scientifico di 12 nazioni come "estremamente improbabile", anche se si è osservato che sono necessari "dati più tempestivi e completi" per trarre una conclusione solida.
Le speculazioni sull'origine legata al laboratorio del coronavirus Covid-19 sono state ripetutamente respinte da Pechino, con il governo che ha denunciato le accuse come politicizzate e ha chiesto che altre teorie fossero indagate, in particolare quelle che suggerirebbero che il virus potrebbe essere nato al di fuori della Cina, in luoghi come la base militare di Fort Detrick nel Maryland.
Istituto Pasteur, Francia (foto d'archivio) - Sputnik Italia, 1920, 14.05.2021
Scoprire l’origine del Covid, l’appello di scienziati
In mezzo a un rapporto dell'OMS che apparentemente non è riuscito a convincere il team di una cospirazione di insabbiamenti di laboratorio, un ricercatore dell'OMS ha detto che gli "attacchi palesemente falsi" che il rapporto ha ricevuto "minano la scienza" e promuovono cospirazioni invece di aiutare il mondo a raggiungere una migliore comprensione di come prevenire le pandemie.
Tra coloro che sono ancora scettici, c'è il principale esperto americano di malattie infettive, il dottor Anthony Fauci, che all'inizio di maggio ha dichiarato di non essere "convinto" di uno sviluppo naturale del coronavirus, chiedendo ulteriori indagini sulla sua vera origine.
"Certamente, le persone che lo hanno indagato dicono che probabilmente è stato l'emergere da una riserva di animali che poi ha infettato gli individui, ma avrebbe potuto essere qualcos'altro, e dobbiamo scoprirlo. Quindi questo è il motivo per cui ho detto che sono perfettamente a favore di qualsiasi indagine che guardi all'origine del virus", ha detto Fauci, che gestisce il National Institute of Allergies and Infectious Diseases degli Stati Uniti, durante un evento "United Facts of America: A Festival of Fact-Checking", citato da Fox News.
Lo scoppio della pandemia di coronavirus Covid-19 è iniziato a dicembre 2019, quando la città cinese di Wuhan è stata chiusa dopo aver visto un rapido aumento dai primi casi della malattia respiratoria.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала