Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Il mondo a Roma per Global Health Summit. Draghi: Vaccinare tutti in fretta

© Foto : CC-BY-NC-SA 3.0 IT / Presidenza del Consiglio dei MinistriIl Presidente del Consiglio, Mario Draghi, accoglie a Villa Pamphilj la Presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen in occasione del Global Health Summit. 21 May 2021, Rome
Il Presidente del Consiglio, Mario Draghi, accoglie a Villa Pamphilj la Presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen in occasione del Global Health Summit. 21 May 2021, Rome  - Sputnik Italia, 1920, 21.05.2021
Seguici su
Partito a Roma il Global Health Summit interamente dedicato alla sanità del presente e del futuro, per imparare dalla pandemia come gestire quelle future.
Bisogna “vaccinare il mondo” e bisogna “farlo rapidamente”, dice il presidente del Consiglio Mario Draghi a Roma, in apertura del Global Health Summit organizzato dall’Italia in qualità di presidente di turno del G20 in collaborazione con la Commissione europea.
Draghi ha accolto a Villa Pamphilj la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, ed è ora in corso il pre-Summit.
Il Global Health Summit era stato annunciato lo scorso anno in piena prima ondata, al termine le nazioni aderenti al G20, l’Unione Europea e varie organizzazioni internazionali, firmeranno la “Dichiarazione di Roma” contenente 16 principi su cui costruire il futuro della sanità mondiale. La cerimonia della firma si svolgerà nella splendida cornice di Villa Doria Pamphilj.

Vincere la pandemia attuale

Importante capire che cosa non ha funzionato per evitare le pandemie del domani, ha affermato Draghi, ricordando che ora “la nostra priorità è vincere quella attuale”.
Il presidente del Consiglio ha ricordato anche che la cooperazione internazionale è importante, e proprio la pandemia ne ha “sottolineato la straordinaria importanza”.

Assicurare i vaccini a tutti

Anche la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, ha sottolineato l’importante della campagna vaccinale mondiale, anzi ha posto al centro di questo Summit l’assicurazione del vaccino a tutte le popolazioni.
Dobbiamo “mettere sotto controllo la pandemia ovunque, assicurare che i vaccini vengano dati a tutti, ovunque”, ha affermato la von der Leyen nel suo discorso introduttivo.
Entro il 2021, inoltre, la Commissione UE assicurerà l’invio di 100 milioni di dosi alle nazioni con reddito medio-basso.
Von der Leyen ha anche ricordato il lavoro incessante degli operatori sanitari che si sono impegnati “anche quando non c’era più niente da fare”.
Anche per la leader europea la grande lezione della pandemia è la cooperazione, ma allo stesso tempo il lavorare al fianco della comunità scientifica, degli esperti, delle aziende farmaceutiche e con la società civile.
“Non dobbiamo mai dimenticare la comunità scientifica. Se oggi abbiamo una speranza lo dobbiamo a uomini e donne che hanno dedicato la loro vita alla scienza”, ha aggiunto von der Leyen.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала