Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Via libera della Camera al dl Sostegni e si attende già il bis

© Foto : Presidenza della RepubblicaIl Presidente della Repubblica Sergio Mattarella nell'Aula di Montecitorio in occasione della cerimonia di giuramento
Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella nell'Aula di Montecitorio in occasione della cerimonia di giuramento - Sputnik Italia, 1920, 19.05.2021
Seguici su
Il testo che racchiude i primi ristori e aiuti del governo Draghi ha superato l’esame del Parlamento e viene convertito in legge: dalla montagna ai genitori separati, dall’Imu ai vaccini, dalle startup al turismo.
Con il via libera della Camera, all’indomani del voto di fiducia chiesto dal governo Draghi, il dl Sostegni ottiene la luce verde e diventa legge. Il testo ha incassato 375 voti favorevoli, 45 astenuti e nessun contrario.
E mentre aziende e privati attendono l’effetto pratico del testo, tra ristori, esenzioni e aiuti, l’esecutivo è già al lavoro per il dl Sostegni bis, su cui già domani il Consiglio dei ministri si riunirà.
Il dl Sostegni ha un plafond di 32 miliardi e ha introdotto alcune novità rispetto ai provvedimenti del precedente governo: la platea dei beneficiari è stata ampliata eliminando i codici Ateco, che avevano escluso alcuni settori.
Inoltre, è stata alzata a 10 milioni la soglia massima di fatturato necessaria per ottenere i sostegni.
Nel dibattito in Senato e alla Camera il dl è passato da una quarantina di articoli a più di 90, con integrazioni sul turismo e la montagna e sulle startup.

I sostegni dalla A alla Z

Ecco i principali ristori e fondi stabiliti dal dl, adesso convertito in legge.
Fondo perduto per le imprese e le partite Iva che hanno subito perdite pari almeno al 30% del fatturato.
Bonus da 2.400 euro per alcune categorie di lavoratori come gli stagionali.
Per la montagna è stato previsto uno stanziamento di 700 milioni.
Sospeso l'invio delle cartelle esattoriali fino a 5.000 euro, completamente cancellate per i redditi più bassi quelle dal 2000 al 2010.
Prorogato fino a fine giugno il blocco dei licenziamenti e la Cig ordinaria e al 31 dicembre la cassa integrazione in deroga.
Rifinanziato il Reddito di cittadinanza con un miliardo e quello di emergenza con 1,5 miliardi.
Stanziati cinque miliardi per la sanità, di cui 2,8 miliardi per i vaccini e i farmaci contro il Covid-19.
Contributo a fondo perduto di 1.000 euro per le startup fondate nel 2018 e che hanno iniziato l’attività nel 2019.
Esenzione della prima rata dell’Imu per le imprese e le partite Iva con i requisiti per il fondo perduto.
Un fondo da 10 milioni di euro per i genitori lavoratori separati che hanno perso il lavoro e devono versare l’assegno di mantenimento. Il beneficio massimo è di 800 euro al mese.
Superbonus al 110%,
Niente canone Rai per alberghi, bar e ristoranti, che potranno anche mettere i tavolini all'aperto senza pagare la tassa sull'occupazione del suolo pubblico fino alla fine dell'anno.
La durata dei voucher viaggi emessi per voli, treni, pacchetti turistici ma anche per le gite scolastiche passa da 18 a 24 mesi. Durano invece tre anni quelli per gli spettacoli.
Voucher potranno essere emessi anche dalle palestre e si potranno utilizzare fino a sei mesi dopo la fine dello stato di emergenza.
Nuovo intervento sugli sfratti blocco per le procedure esecutive attivate da febbraio 2020 e sblocco a partire dal primo luglio per gli sfratti pre-Covid.
Il contributo a fondo perduto destinato agli operatori dei centri storici di Comuni con turismo religioso (Santuari), limitato a quelli con popolazione superiore a diecimila abitanti, viene esteso a quelli interessati dagli eventi sismici dal 24 agosto 2016 (Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria).
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала