Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Migranti, Leoluca Orlando offre il porto di Palermo per lo sbarco della Sea Eye

© AFP 2021 / Pablo GarciaUn gruppo di migranti libici a bordo del battello di salvataggio Aita Mari
Un gruppo di migranti libici a bordo del battello di salvataggio Aita Mari  - Sputnik Italia, 1920, 18.05.2021
Seguici su
La nave della ong tedesca è in mare da metà mese in missione umanitaria nella SAR libica. A bordo circa 400 migranti salvati dalle acque e adesso l'equipaggio chiede un porto sicuro.
Il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, ha offerto un porto sicuro alla nave della ong tedesca Sea Eye, per accogliere i circa 400 migranti riscattati dalle acque durante la missione nella SAR libica iniziata a metà mese.
"L'equipaggio della #SEAEYE4 ha salvato oltre 400 persone nel Mar Mediterraneo. Occorre adesso un porto sicuro. #Palermo con il suo porto e in tutte le sue articolazioni sociali è pronta ad accogliere. Si attendono le decisioni delle autorità competenti", ha twittato il primo cittadino del capoluogo siciliano.
Orlando ha esortato le autorità nazionali e si è rivolto alla Ue per chiedere l'attivazione del Rescue European Civil Service (RECS), il servizio civile europeo pensato per sostenere li ong nella loro attività di salvataggio nel Mediterraneo.
Intanto la portavoce della Sea Eye 4, Sophie Weindenhiller, ha chiesto aiuto in un video pubblicato su Twitter, spiegando che dopo i salvataggi effettuati negli ultimi giorni a bordo della nave ci sono 400 persone, tra cui donne incinta, neonati e bambini che hanno bisogno di cure.
Le persone a bordo, spiega, sono esauste e chiede con urgenza un porto sicuro per i migranti riscattati dalle acque. L'equipaggio accusa gli Stati europei di "eludere le proprie responsabilità" e rendere "la ricerca di un porto una vergognosa tragedia".
La nave della ong è partita il 14 maggio in missione nella zona SAR libica e nel fine settimana ha effettuato diversi interventi di salvataggio mettendo in salvo oltre 400 persone, per la maggior parte provenienti dalla Siria.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала