Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Fipe-Confcommercio: nel 2020 persi 514mila posti di lavoro tra alloggio e ristorazione

© AFP 2021 / Andreas SolaroIl proprietario di un ristorante di Roma in attesa di clienti
Il proprietario di un ristorante di Roma in attesa di clienti - Sputnik Italia, 1920, 18.05.2021
Seguici su
Il rapporto del 2020 sulla ristorazione presentato da Fipe Confcommercio mostra come nell'anno della pandemia siano stati persi 514mila posti di lavoro tra alloggio e ristorazione.
A seguito della pandemia crolla l'occupazione nel settore dei Pubblici esercizi come alloggio e ristorazione. Il dato, contenuto nel "Rapporto Ristorazione 2020" di Fipe-Confcommercio e presentato oggi a Roma, mostra come in un anno siano stati persi oltre 514mila posti di lavoro.
Il settore, che tra il 2013 al 2019 aveva creato 245mila posti lavoro, ne ha persi il doppio in un anno. Il rapporto presentato oggi è stato definito un "bollettino di guerra".

Crolla l'occupazione nel settore dei Pubblici esercizi

Secondo i dati Istat, nel 2020 in Italia si sono persi 2,5 milioni di posti di lavoro (misurati in unità di lavoro) e di questi 1,9 milioni riguardano i servizi e 514mila solo in ristorazione e alloggio.
Questo anno ha visto anche un bassissimo numero di nuove imprese avviate con un totale di 9.190 rispetto alle 18 mila aperte nel 2010. Nello stesso anno, secondo i dati di Infocamere, sono state chiuse 22.250 attività.
Nei giorni scorsi il Rapporto 2021 dell'Osservatorio Ristorazione ha pubblicato i dati relativi alle attività di ristorazione. Le città dove più locali hanno chiuso, sono Roma, Milano e Torino.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала