Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Benzina alle stelle, Coldiretti prevede caro prezzi ai danni di imprese e famiglie già allo stremo

© Sputnik / Vai alla galleria fotograficaDue tir in movimento
Due tir in movimento - Sputnik Italia, 1920, 18.05.2021
Due tir in movimento
Seguici su
La benzina sta salendo di prezzo tanto da avvicinarsi alla soglia psicologica di 1,6 euro al litro. Tale sviluppo provocherà difficoltà sia per i consumatori italiani che per le imprese, sostiene la Coldiretti.
Nella giornata di oggi il Codacons ha segnalato che il carburante ha avuto un notevole aumento del costo rispetto a maggio 2020.
Mentre la benzina è aumentata del 16,7%, il gasolio ha fatto registrare un aumento del 15,7%.
Ad avviso degli esperti, l'aumento di prezzi per il carburante è dovuto agli allentamenti delle misure anti-contagio e alle oscillazioni del prezzo del greggio sui mercati internazionali.
La Coldiretti fa notare che l’85% dei trasporti commerciali in Italia avviene per strada, il che provoca l'aumento dei costi di trasporto che a sua volta scatena effetti sulla spesa.
L'organizzazione pone in rilievo due conseguenze più sensibili per il sistema economico nazionale dovute all'aumento di prezzo del carburante:
Il calo del potere d'acquisto dei consumatori.
L'aumento dei costi per le imprese.
In particolar modo, di tale sviluppo soffrirà il settore agroalimentare, rileva la Coldiretti. A subire gli effetti sarà l’intero sistema agroalimentare, in quanto i costi della logistica arrivano ad incidere fino al 30-35% sul totale dei costi per frutta e verdura.
Alla luce dei fatti la Coldiretti richiama l'attenzione sul Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) sul Recovery plan elaborato da quest’ultima per sviluppare le bioenergie in Italia, che prevede la direzione verso alternative green.
"Ma con il Pnrr serve anche agire sui ritardi strutturali dell’Italia e sbloccare tutte le infrastrutture che migliorerebbero i collegamenti tra Sud e Nord del Paese, ma pure con il resto del mondo per via marittima e ferroviaria in alta velocità, con una rete di snodi composta da aeroporti, treni e cargo", ha dichiarato il presidente della Coldiretti Ettore Prandini.
Prandini ha aggiunto che "si tratta di una mancanza che ogni anno rappresenta per il nostro Paese un danno in termini di minor opportunità di export al quale si aggiunge proprio il maggior costo della “bolletta logistica” legata ai trasporti e alla movimentazione delle merci".
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала