Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

L’Italia riparte: che cosa riapre e quando secondo il decreto Draghi

Seguici su
Ieri il governo ha deciso che il coprifuoco slitta da subito alle 23, per poi essere spostato alle 24 dal 7 giugno ed essere revocato il 21 giugno.
© Foto : Evgeny Utkin

Dal 1 giugno torna il servizio al chiuso nei bar e ristoranti.

Dal 1 giugno torna il servizio al chiuso nei bar e ristoranti. - Sputnik Italia
1/15

Dal 1 giugno torna il servizio al chiuso nei bar e ristoranti.

© Foto : Evgeny Utkin

Matrimoni e banchetti potranno essere organizzati a partire dal 15 giugno, ma con il green pass.

Matrimoni e banchetti potranno essere organizzati a partire dal 15 giugno, ma con il green pass. - Sputnik Italia
2/15

Matrimoni e banchetti potranno essere organizzati a partire dal 15 giugno, ma con il green pass.

© Foto : Evgeny Utkin

Le palestre riaprono il 24 maggio, dal 1 luglio riaprono le piscine al chiuso e i centri termali.

Le palestre riaprono il 24 maggio, dal 1 luglio riaprono le piscine al chiuso e i centri termali. - Sputnik Italia
3/15

Le palestre riaprono il 24 maggio, dal 1 luglio riaprono le piscine al chiuso e i centri termali.

© Foto : Evgeny Utkin

Nelle palestre si potranno utilizzare gli spogliatoi ma sarà vietato fare la doccia.

Nelle palestre si potranno utilizzare gli spogliatoi ma sarà vietato fare la doccia. - Sputnik Italia
4/15

Nelle palestre si potranno utilizzare gli spogliatoi ma sarà vietato fare la doccia.

© Foto : Evgeny Utkin

I centri commerciali potranno riaprire già il prossimo fine settimana.

I centri commerciali potranno riaprire già il prossimo fine settimana. - Sputnik Italia
5/15

I centri commerciali potranno riaprire già il prossimo fine settimana.

© Foto : Evgeny Utkin

Sale gioco, sale scommesse, sale bingo e casinò possono ripartire dal 1 luglio.

Sale gioco, sale scommesse, sale bingo e casinò possono ripartire dal 1 luglio.  - Sputnik Italia
6/15

Sale gioco, sale scommesse, sale bingo e casinò possono ripartire dal 1 luglio.

© Foto : Evgeny Utkin

Lo stesso giorno riaprono anche centri culturali, centri sociali e centri ricreativi.

Lo stesso giorno riaprono anche centri culturali, centri sociali e centri ricreativi. - Sputnik Italia
7/15

Lo stesso giorno riaprono anche centri culturali, centri sociali e centri ricreativi.

© Foto : Evgeny Utkin

Tutte le regole saranno valide in zona gialla.

Tutte le regole saranno valide in zona gialla. - Sputnik Italia
8/15

Tutte le regole saranno valide in zona gialla.

© Foto : Evgeny Utkin

Mentre nelle regioni che vanno in fascia bianca l’unico obbligo riguarderà la mascherina e il distanziamento.

Mentre nelle regioni che vanno in fascia bianca l’unico obbligo riguarderà la mascherina e il distanziamento. - Sputnik Italia
9/15

Mentre nelle regioni che vanno in fascia bianca l’unico obbligo riguarderà la mascherina e il distanziamento.

© Foto : Evgeny Utkin

Draghi ha puntato sulla gradualità delle misure, anche per capire quali sono le attività che più incidono sull'aumento dei contagi.

Draghi ha puntato sulla gradualità delle misure, anche per capire quali sono le attività che più incidono sull'aumento dei contagi. - Sputnik Italia
10/15

Draghi ha puntato sulla gradualità delle misure, anche per capire quali sono le attività che più incidono sull'aumento dei contagi.

© Foto : Evgeny Utkin

Il nuovo dl è un passo in avanti verso la riapertura completa.

Il nuovo dl è un passo in avanti verso la riapertura completa. - Sputnik Italia
11/15

Il nuovo dl è un passo in avanti verso la riapertura completa.

© Foto : Evgeny Utkin

C'è la questione del Green pass, necessario per partecipare agli eventi privati che ripartiranno dal 15 giugno.

C'è la questione del Green pass, necessario per partecipare agli eventi privati che ripartiranno dal 15 giugno. - Sputnik Italia
12/15

C'è la questione del Green pass, necessario per partecipare agli eventi privati che ripartiranno dal 15 giugno.

© Foto : Evgeny Utkin

Intanto, palestre, piscine, parchi tematici e persino i concerti ripartono, tutte realtà in cui è impossibile sapere se chi partecipa e' contagioso.

Intanto, palestre, piscine, parchi tematici e persino i concerti ripartono, tutte realtà in cui è impossibile sapere se chi partecipa e' contagioso. - Sputnik Italia
13/15

Intanto, palestre, piscine, parchi tematici e persino i concerti ripartono, tutte realtà in cui è impossibile sapere se chi partecipa e' contagioso.

© Foto : Evgeny Utkin

Giancarlo Giorgetti definisce “un passo in avanti verso le riaperture” le misure adottate ieri dal governo per revocare, gradualmente, le restrizioni anti-Covid, ma riconosce che la Lega aveva spinto “per ottenere qualcosa in più” a fronte di “numeri confortanti” dell’epidemia.

Giancarlo Giorgetti definisce “un passo in avanti verso le riaperture” le misure adottate ieri dal governo per revocare, gradualmente, le restrizioni anti-Covid, ma riconosce che la Lega aveva spinto “per ottenere qualcosa in più” a fronte di “numeri confortanti” dell’epidemia. - Sputnik Italia
14/15

Giancarlo Giorgetti definisce “un passo in avanti verso le riaperture” le misure adottate ieri dal governo per revocare, gradualmente, le restrizioni anti-Covid, ma riconosce che la Lega aveva spinto “per ottenere qualcosa in più” a fronte di “numeri confortanti” dell’epidemia.

© Foto : Evgeny Utkin

Il ministro ha spiegato che la Lega aveva posto anche altre questioni, in particolare sul coprifuoco: "L'idea era: i locali chiudano alle 23, ma si dia la possibilità di rientrare successivamente. Ma questa proposta non è stata accolta". In ogni caso, ha aggiunto, con le regioni che acquisiscono lo status di zona bianca il coprifuoco non c'è. Per cui, ha aggiunto, "la paura viene sconfitta dalla realtà".

Il ministro ha spiegato che la Lega aveva posto anche altre questioni, in particolare sul coprifuoco: "L'idea era: i locali chiudano alle 23, ma si dia la possibilità di rientrare successivamente. Ma questa proposta non è stata accolta". In ogni caso, ha aggiunto, con le regioni che acquisiscono lo status di zona bianca il coprifuoco non c'è. Per cui, ha aggiunto, "la paura viene sconfitta dalla realtà". - Sputnik Italia
15/15

Il ministro ha spiegato che la Lega aveva posto anche altre questioni, in particolare sul coprifuoco: "L'idea era: i locali chiudano alle 23, ma si dia la possibilità di rientrare successivamente. Ma questa proposta non è stata accolta". In ogni caso, ha aggiunto, con le regioni che acquisiscono lo status di zona bianca il coprifuoco non c'è. Per cui, ha aggiunto, "la paura viene sconfitta dalla realtà".

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала