Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

USA bloccano per la terza volta dichiarazione congiunta dell'UNSC su escalation a Gaza

© AP Photo / Frank Franklin IIConsiglio di Sicurezza ONU
Consiglio di Sicurezza ONU - Sputnik Italia, 1920, 17.05.2021
Seguici su
Gli Stati Uniti hanno imposto per la terza volta il voto al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite (UNSC) per l'approvazione di una risoluzione congiunta che condanni la violenta escalation del conflitto israelo-palestinese.
Domenica si è tenuta una riunione di emergenza del Consiglio di Sicurezza ONU per discutere le ostilità in corso tra israeliani e palestinesi a Gaza, con la maggior parte dei paesi partecipanti all'incontro che ha esortato entrambe le parti del conflitto ad accettare un cessate il fuoco.
Stando a quanto riferito dal quotidiano Times of Israel, nel corso della seduta una dichiarazione congiunta che criticava entrambe le parti per le violenze in atto è stata proposta da Norvegia, Tunisia e Cina, venendo tuttavia bloccata dagli Stati Uniti.
Le fonti del quotidiano israeliano hanno confermato che gli Stati membri hanno tempo fino ad oggi a mezzogiorno per concludere i negoziati e pubblicare la dichiarazione
Questa è la terza volta in una settimana che il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite tiene una sessione di emergenza sul conflitto in atto a Gaza. Durante i due precedenti incontri, i tentativi di approvare una risoluzione congiunta che chiedeva un cessate il fuoco sono stati bloccati dagli Stati Uniti, che hanno chiesto più tempo per i propri sforzi diplomatici.
Durante la sessione di emergenza domenicale, l'ambasciatore israeliano all'ONU Gilad Erdan ha invitato il Consiglio di Sicurezza dell'ONU a condannare "inequivocabilmente" gli attacchi di Hamas e sostenere il diritto di Israele all'autodifesa. Erdan ha detto che Hamas avrebbe premeditato l'escalation in corso a Gaza per ottenerne un ritorno politico.
Nel frattempo, il ministro degli Esteri dell'Autorità Palestinese, Riyadh al-Maliki, ha affermato che i palestinesi non avrebbero taciuto durante l'"occupazione" israeliana, poiché Israele continua a "terrorizzare" i palestinesi a cui viene negato lo stesso diritto alla sicurezza che Israele chiede ora per se stesso.

​Le tensioni in Palestina

La situazione al confine israelo-palestinese di Gaza si è aggravata la sera del 10 maggio, in seguito alle tensioni avvenute nel periodo del Ramadan a Gerusalemme Est.
Turkey's President Recep Tayyip Erdogan addresses his party members, in Ankara, Turkey, Thursday, Aug. 13, 2020 - Sputnik Italia, 1920, 16.05.2021
Conflitto Israele-Gaza, Erdogan esorta la comunità mondiale a 'dare una lezione' a Israele
Al 16 maggio erano stati lanciati da Hamas circa 2.900 razzi dalla Striscia di Gaza in territorio israeliano, 1.150 dei quali erano stati intercettati dal sistema di difesa anti-aereaIron Dome. Secondo le ultime informazioni, 10 civili israeliani hanno perso la vita in seguito agli attacchi, mentre altre 50 sono rimaste gravemente ferite.
Israele ha risposto con centinaia di attacchi portati negli ultimi giorni contro la Striscia di Gaza. Il numero di palestinesi uccisi negli attacchi aerei israeliani ha raggiunto i 188, con anche 55 bambini che figurano tra le vittime.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала