Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

La Venere di Botticelli "appare" fra le nuvole nel cielo della Sicilia dell'Est

© Marcella Giulia PaceUn cirro a forma di Venere di Botticelli, la suggestiva foto scattata dall'astrofotografa Marcella Giulia Pace, Modica 15 maggio 2021
Un cirro a forma di Venere di Botticelli, la suggestiva foto scattata dall'astrofotografa Marcella Giulia Pace, Modica 15 maggio 2021 - Sputnik Italia, 1920, 17.05.2021
Seguici su
Il teleobiettivo dell'astrofotografa Marcella Giulia Pace ha catturato la suggestiva immagine di un cirro dalle sembianze del capovolavoro del maestro fiorentino.
Nel cielo azzurro della Sicilia sud-orientale, tra le sfilacciature di un cirro si ricompone la Venere di Botticelli. L'immagine suggestiva è stata immortalata da uno scatto di Marcella Giulia Pace, astrofotografa siciliana di Modica: "Quando ho ingrandito lo scatto sul preview della mia macchina fotografica, sono rimasta sbalordita dalla somiglianza con la Venere dipinta dal Botticelli", ha detto a Sputnik Italia. 
Marcella è abituata a stare con "il naso all'insù" per professione. Gestisce un sito dove raccoglie i suoi scatti delle varie tipologie di fenomeni ottici atmosferici, come le fotometeore e idrometeore. Sabato scorso, poco prima dell'una, dal giardino di casa ha scorto ad est, ad un'altezza di 13 gradi dall'orizzonte una nube bianca e sfilacciata che si distingueva nell'azzurro del cielo. 
"Non potevo non accorgermi di questa meravigliosa formazione che ha acceso fantasie artistiche", afferma. 
Impugnata la macchina fotografica che porta sempre con sé ha immortalato la nuvola che spiccava nel cielo. Solo ingrandendo l'immagine ha notato la straordinaria somiglianza con la Venere Urania che il maestro fiorentino fa nascere da una conchiglia dell'Oceano. La Pace non è stata l'unica ad notare la particolarità della formazione nuvolosa.
"Ho messo la foto sul mio profilo social perché incredula, volevo condividere tale associazione. Ho visto sui social la stessa formazione che ho ripreso, fotografata anche da Ragusa", racconta stupefatta.
"I cirri sono nubi troposferiche che si formano ad un’altezza anche di circa 15 km e pertanto possono essere osservati in un gran raggio di distanza", spiega. "Ho ricevuto subito la stesso stupore tra i miei amici - prosegue - ed in particolare, Mario Occhipinti, un amico artista pittore ha elaborato il mio scatto affiancando la Venere creando così un confronto immediato". 
Scorgere delle figure che emergono dalle nuvole è un gioco con cui spesso i bambini allenano la propria fantasia e si sfidano per trovare le forme più eccentriche e originali. La 'pareidolia', così si chiama "è un’abilità che stimola la fantasia e per questo, durante le attività scolastiche esterne - prosegue - assecondo un esercizio che i bambini spesso fanno in maniera spontanea: soffermarsi a guardare nel cielo se ci sono nuvole che ricordano qualcosa (stando sempre attenti a coprire il Sole con la mano). L’elemento che ricorre spesso nei loro riconoscimenti è l’elefante anche se spesso, è formato da cumuli che sono nubi che portano pioggia e poi…forse…l’arcobaleno".
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала