Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Per presidente Zeman un errore di Mosca l'inclusione della Repubblica Ceca tra i Paesi ostili

© AFP 2021 / Michal CizekMiloš Zeman
Miloš Zeman - Sputnik Italia, 1920, 16.05.2021
Seguici su
L'inclusione della Repubblica Ceca nella lista dei Paesi ostili da parte della Federazione Russa è una stupidità, perché fare nemici gli ex amici è un errore, ha dichiarato oggi il presidente ceco Milos Zeman in un'intervista alla radio di Praga F1.
"È sempre brutto essere un nemico. Ma dalla parte russa è una cosa stupida. Perché fare nemici gli ex amici è un errore", ha detto Zeman.
Praga a metà aprile ha accusato i servizi segreti della Federazione Russa di coinvolgimento nell'esplosione nel deposito d'armi di Vrbetica ed ha espulso 18 dipendenti dell'Ambasciata russa. In risposta Mosca ha dichiarato 20 dipendenti della missione diplomatica ceca persona non gradite, sostenendo che le accuse sull'esplosione a Vrbetica erano assurde, infondate e inverosimili. Il Cremlino ha osservato che le accuse infondate della Repubblica Ceca contro la Russia hanno inflitto un danno pesante alle relazioni bilaterali ed ha anche rilevato che queste accuse contro Mosca fanno parte di una campagna russofoba su larga scala dell'Occidente.
Venerdì il consiglio dei ministri della Federazione Russa ha approvato l'elenco degli Stati ostili, che comprende due Paesi: gli Stati Uniti e la Repubblica Ceca. 
Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov - Sputnik Italia, 1920, 18.04.2021
La Russia espelle 20 diplomatici della Repubblica Ceca
In precedenza il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov aveva dichiarato in un'intervista a Sputnik che Mosca non avrebbe scritto indiscriminatamente nessun Paese nell'elenco degli Stati non amichevoli, la decisione sarebbe stata preceduta da un'analisi approfondita e l'elenco potrebbe essere rivisto nel tempo. Secondo il capo della diplomazia di Mosca, questa non sarà una carta "morta": la lista "sarà, ovviamente, rivista" man mano che si evolveranno i rapporti con il Paese in questione.
Sabato è stata diffusa una dichiarazione del capo della diplomazia europea Josep Borrell, che ha invitato la Federazione Russa a riconsiderare la decisione sulla lista degli Stati ostili al fine di evitare un ulteriore peggioramento delle relazioni tra la Federazione Russa e l'UE, al momento già tese.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала