Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

2 morti, almeno 167 feriti in crollo tribuna alla sinagoga nell'insediamento israeliano - Video

© Foto : Twitter / @DobyH1Decine di persone ferite in crollo tribuna alla sinagoga nell'insediamento israeliano
Decine di persone ferite in crollo tribuna alla sinagoga nell'insediamento israeliano - Sputnik Italia, 1920, 16.05.2021
Seguici su
Due persone sono rimaste morte e 167 ferite a seguito del crollo di una tribuna alla sinagoga dell'insediamento israeliano di Giv'at Ze'ev, in Cisgiordania.
L'incidente arriva in mezzo all'escalation di violenza tra ebrei e palestinesi in Israele, Cisgiordania e Gerusalemme e diverse settimane dopo una calca mortale in un festival religioso nel nord d'Israele.
Secondo gli ultimi dati diffusi dai medici, due persone sono morte e 167 sono rimaste ferite, tra cui 5 in condizioni gravi.
Le immagini riprese dai presenti nel luogo dell'incidente mostrano centinaia di fedeli ammassati nelle sale della sinagoga, mentre ballano con la musica in sottofondo quando avviene il crollo.
​Il crollo ha fatto scoppiare il caos e il panico, con alcuni che invocavano a mantenere la calma, mentre altri in tutta fretta cercavano di scappare.
Le riprese dall'esterno della sinagoga hanno mostrato ambulanze e mezzi dei vigili del fuoco. I militari hanno annunciato che sono stati inviati uomini per fornire assistenza.
​L'incidente è avvenuto alla vigilia dello Shavuot, o "Festa delle Settimane", una festa ebraica 50 giorni dopo la Pasqua ebraica.
Insieme alla Pasqua stessa e al Sukkot è tra le feste più importanti della religione ebraica. Shavuot è un giorno festivo in Israele e le scuole e la maggior parte delle attività commerciali sono chiuse. La festa segna la mietitura del grano nell'Antico Testamento e commemora anche la leggenda di Dio che dona la Torah ai figli d'Israele sul Monte Sinai.
L'incidente di domenica arriva diverse settimane dopo la letale calca del 30 aprile 2021 in un festival religioso nel nord di Israele, in cui 45 persone sono morte e oltre 150 ferite. Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha detto che è stato "uno dei peggiori disastri" nella storia del Paese. La stragrande maggioranza delle persone rimaste uccise nell'incidente erano ebrei Haredi, una setta di ebrei ortodossi con credenze e costumi sociali altamente conservatori e atteggiamenti per lo più negativi verso il sionismo e lo Stato di Israele.
L'insediamento di Giv'at Ze'ev, situato vicino a Gerusalemme, è stato fondato nella zona di un campo militare giordano abbandonato in Cisgiordania nel 1977, un decennio dopo la guerra dei sei giorni del giugno 1967, durante cui Israele ha conquistato territori. Le Nazioni Unite considerano gli insediamenti israeliani in Cisgiordania illegali ai sensi del diritto internazionale, ma il governo israeliano ed i suoi alleati statunitensi contestano le decisioni delle Nazioni Unite. Israele non ha ufficialmente annesso la Cisgiordania, ma mantiene il controllo de facto su gran parte del territorio ed ha costruito centinaia di insediamenti dove vivono oltre 600mila ebrei israeliani.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала