Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Covid Francia, locali per scambisti aperti, discoteche no

Ragazzi in discoteca
Ragazzi in discoteca - Sputnik Italia, 1920, 16.05.2021
Seguici su
Paradosso ironico per l'allentamento delle restrizioni da Covid in Francia: i più 'libertini' tra scambisti e sex club potranno frequentarsi, ma niente divertimento in discoteca.
Accolta con clamore e una buona dose di sgomento dal Parlamento francese la decisione delle autorità parigine di riaprire i locali per scambisti, ma di tenere chiuse le discoteche.
La Francia, infatti, sta iniziando le graduali manovre di riapertura delle attività dopo il duro lockdown imposto per fronteggiare la diffusione del Covid. Dal 19 maggio i francesi potranno tornare nei bar e nei ristoranti all'aperto, fare shopping nei negozi, andare al cinema e nei musei, e anche frequentare locali per scambisti e sex clubs.
Ma niente da fare per chi vorrebbe tornare a ballare in discoteca: per i locali notturni e le sale da ballo non c'è ancora una data di riapertura, nonostante la chiusura ininterrotta da 14 mesi. Proprio questo contrasto 'incoerente' ha scatenato le proteste e l'ironia di alcuni membri parlamentari francesi.
Come riportato da Euronews, il deputato repubblicano Philippe Gosselin si è pronunciato con sarcasmo a riguardo: "Sappiamo bene che in questi club [per scambisti] pratichiamo tutti i comportamenti di distanziamento sociale: è per questo perché ci andiamo", incitando una riflessione generale sull'assurdità della situazione. "Potete tutti notare l'incoerenza nell'impedire ai giovani di andare a ballare e permettere l'apertura di altri tipi di locali".
Sulla stessa linea anche le parole dell'indipendente Jean Lassalle, che non ha mancato di punzecchiare l'aula sostenendo che alcuni colleghi parlamentari erano degli habitué dei locali 'libertini' rimasti per lo più aperti durante tutto il lockdown.
"Come possiamo spiegare questa disparità di trattamento con i locali notturni? Stiamo parlando finora di una perdita di 45.000 posti di lavoro e un danno di 1,3 miliardi di euro", ha concluso Lassalle.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала