Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Campagna vaccinale in Italia, in arrivo oltre 20 milioni di dosi

© REUTERS / Guglielmo MangiapaneVaccinazione all'aeroporto di Fiumicino a Roma
Vaccinazione all'aeroporto di Fiumicino a Roma - Sputnik Italia, 1920, 16.05.2021
Seguici su
L'Italia riceverà un forte quantitativo di dosi vaccinali dalle varie case farmaceutiche. Il mese di giugno deve essere quello della svolta per il Commissario all'emergenza.
L’Italia sta per essere inondata di fiale di vaccino contro il coronavirus, a dirlo è il commissario all’emergenza sanitaria il generale Francesco Figliuolo che ha confermato l’arrivo di 20 milioni di dosi in un mese.
Se le compagnie farmaceutiche manterranno le loro promesse, la campagna vaccinale in Italia potrà incrementare ulteriormente la sua velocità, e passare dalle attuali 500 mila somministrazioni giorno di media, a 700 mila somministrazioni e oltre al giorno.
Il generale con una punta di orgoglio fa notare che a marzo le somministrazioni in Italia risultavano essere 5 milioni, mentre ad oggi siamo oltre le 26 milioni di dosi somministrate.
“La questione degli approvvigionamenti è cruciale, ma abbiamo lavorato molto anche per aumentare la potenzialità della macchina, che ha dimostrato di poter fare 500 mila iniezioni al giorno”, ha affermato il generale Figliuolo, come riportato dall’Adnkronos.
Pierpaolo Sileri - Sputnik Italia, 1920, 13.05.2021
La progressione della campagna vaccinale sostituirà le restrizioni, parola di Sileri
“A giugno, con più vaccini, questa potenzialità potrà essere espressa con maggiore regolarità ed anche incrementata, grazie a nuovi punti vaccinali”, ha proseguito il commissario all’emergenza, ricordando che ad oggi “abbiamo più di 2500” punti vaccinali, ovvero “mille in più rispetto a marzo”.
Il merito va anche ai medici di medicina generale, alle farmacie e alle aziende che hanno messo a disposizione delle Regioni spazi e strutture, afferma il generale.

Giugno il mese della svolta

Nel mese di giugno il generale Figliuolo si aspetta di vedere ormai vaccinate la gran parte delle persone vulnerabili.
“Oggi più dell'88% degli over 80 ha ricevuto almeno una dose di vaccino, quasi tutti gli ospiti delle Rsa sono stati raggiunti e oltre il 96% del personale sanitario ha avuto una somministrazione”.
Ma l’obiettivo è fare di più, “occorre continuare lo sforzo sulle fasce over 60, per poi agire in parallelo sui più giovani”.
Dal campo di battaglia arrivano notizie positive. Il nemico, il coronavirus, arretra.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала