Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Emergenza sbarchi, la denuncia della Lega: "Covid, scabbia e tubercolosi nell'hotspot di Lampedusa"

© Foto : CoispMigranti nel centro di accoglienza di Lampedusa
Migranti nel centro di accoglienza di Lampedusa - Sputnik Italia, 1920, 15.05.2021
Seguici su
Il deputato leghista, Eugenio Zoffili, in visita nella struttura descrive una situazione sanitaria al limite, con casi di "Covid, scabbia e tubercolosi" fra i migranti. Ieri notte altre 41 persone sono sbarcate sull'isola.
È stata una settimana di passione per Lampedusa, con quasi 2mila migranti arrivati sull’isola in sole 24 ore. L’hotspot di contrada Imbriacola nei giorni scorsi ha ospitato 1.583 persone nonostante ne possa contenere appena 250. La struttura è poi stata progressivamente svuotata. Stamattina sono partiti altri 103 migranti, la maggior parte minori, trasferiti a Porto Empedocle.
“Oggi all'interno della struttura la situazione è meno problematica, seppur in un quadro che permane emergenziale”, ha detto il deputato leghista Eugenio Zoffili, Presidente del Comitato Parlamentare di controllo sull'attuazione dell'accordo di Schengen, di vigilanza sull'attività di Europol e di controllo e vigilanza in materia di immigrazione, che ha ispezionato il centro di prima accoglienza dell’isola.
“A fronte di una capienza massima di 250 migranti, - ha fatto sapere in una nota - ne sono presenti 317 dei quali 252 minorenni”. La situazione sanitaria nella struttura sarebbe ancora preoccupante.
“Oltre a qualche caso di Covid, tra le patologie rilevate ci sono la scabbia e la tubercolosi che si aggiungono a ustioni e violenze, soprattutto sessuali ai danni delle donne che, in diversi casi, sbarcano gravide a seguito di stupri”, riferisce ancora Zoffili, che dopo la visita all’hotspot ha incontrato i cittadini preoccupati che i turisti possano restare lontani dall’isola presa d’assalto dai migranti.
“Per ottenere questo risultato – ha detto il deputato leghista - è necessario lavorare di più sui rapporti diplomatici coi paesi di provenienza degli immigrati”.
L’emergenza sbarchi, ha annunciato Zoffili, verrà discussa con il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, convocata mercoledì prossimo in commissione bicamerale Schengen.
“Porterò al ministro Lamorgese la situazione e le testimonianze raccolte, continuando a lavorare affinché si possa porre presto fine al traffico di esseri umani che rispetto a quando Matteo Salvini era Ministro vede gli sbarchi triplicati", ha chiarito il deputato leghista.
"Stiamo affrontando, da soli, una situazione che non ha precedenti tra Covid, crisi economica e un'emergenza umanitaria senza sosta", aveva denunciato nei giorni scorsi, intervistato da Rainews24, il sindaco di Lampedusa, Totò Martello, che ieri ha incontrato a Roma il ministro per gli Affari regionali e le autonomie, Mariastella Gelmini, e il ministro per il Sud, Mara Carfagna.
“Servono regole certe per il soccorso umanitario, per il controllo e la sicurezza del Mediterraneo, per la tutela dei diritti di ciascun essere umano. – aveva detto - Per fare questo occorre un intervento forte delle istituzioni europee che non possono ignorare ciò che sta succedendo nella nostra isola, perché quando i migranti arrivano qui non arrivano a Lampedusa, arrivano in Europa".
E gli arrivi non accennano a fermarsi. Ieri notte, come si legge sull’Adnkronos, sono sbarcati autonomamente sull’isola altri 41 nordafricani, in maggioranza tunisini. Tra loro anche un bambino piccolo ed una neonata.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала