Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Che faccio torno? Di Battista ci ripensa, ma solo se M5S esce da governo Draghi

© AP Photo / Gregorio BorgiaAlessandro Di Battista
Alessandro Di Battista - Sputnik Italia, 1920, 15.05.2021
Seguici su
Di Battista oscilla tra il desiderio di tornare tra i grillini a trazione Conte, la tentazione di fondare il suo partito con i delusi del M5S e la libertà di non essere né l'uno e né l'altro.
Alessandro Di Battista va da Lilli Gruber per presentare il suo nuovo libro, “Contro! Perché opporsi al governo dell’assembramento”, e a sorpresa dice che lui potrebbe pure tornare a fare il volontario del Movimento 5 Stelle, ma a patto che i grillini dicano addio al governo di Mario Draghi.
“Per tornare con i 5 Stelle, la condizione è che il Movimento esca dal governo Draghi. Anche a Conte ho detto che dipende dalle proposte e linea politica che intende assumere”, ha detto ieri sera partecipando a ‘Otto e Mezzo’ su La7.
E per quanto riguarda il suo rapporto con l’amico, il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, ha detto: “Io e Luigi siamo ancora amici ma le nostre distanze politiche non ci permettono più una frequenza continua: lui ad esempio è diventato atlantista, io no. Fare qualcosa di nuovo? C'ho pensato ma aspetto qualche mese, e vedrò dopo l'estate cosa fare”.

Quando mi chiesero di fare il ministro

E poi rivela che lo avevano chiamato per fare il ministro in questo governo dell’assembramento, come lo definisce il titolo del suo libro, ma in quella occasione non pose un veto sul nome di Draghi, piuttosto sulla presenza di Italia Viva e di Matteo Renzi.
“Mi chiesero di fare il ministro del governo, diedi la mia disponibilità ma posi come condizione che non ci fosse un ritorno con Renzi, quindi dovetti ritirare la mia disponibilità…”

Penso al ritorno in politica, ma voglio essere libero

E mentre pensa ad un eventuale soggetto politico di sua fondazione, Di Battista dice pure che la sua libertà è troppo bella per essere vincolata da “ruoli prestigiosi”, lui preferisce scrivere libri come quello che sta presentando in questi giorni, fare reportage e “fare attività politica al di fuori del Parlamento”.
Oggettivamente, un ritorno dell’ex grillino di peso tra i pentastellati sembra assai inverosimile in questa fase della politica italiana.
Forse uno spiraglio per il ritorno appena poco prima delle elezioni politiche del 2023, quando l’attuale governo si scioglierà per affilare le armi della propaganda politica per le elezioni.

L'intervista Di Battista da Lilly Gruber: Video

Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала