Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Sospeso docente alla Statale di Milano che aveva pubblicato post sessista contro Kamala Harris

© AP Photo / Marcio Jose SanchezKamala Harris
Kamala Harris - Sputnik Italia, 1920, 14.05.2021
Seguici su
Giustizia è fatta per Kamala Harris, il professore di storia della Statale di Milano è stato sospeso per un mese a causa del suo messaggio sessista.
L’Università Statale di Milano ha deciso per la sospensione dall’insegnamento per un mese, del professore di Storia delle dottrine politiche, Marco Bassani, che aveva pubblicato un post sessista rivolto alla attuale vice presidente degli Stati Uniti d’America Kamala Harris.
Il professore non riceverà lo stipendio durante il mese di sospensione.
I fatti risalgono allo scorso mese di novembre 2020, quando il professore della Statale di Milano aveva postato un commento su Facebook in cui etichettava in modo sessista la vice presidente degli States Kamala Harris. La decisione giunge quindi agli sgoccioli dell’attività accademica e prima della sessione estiva degli esami.
Il post all’interno dell’Università aveva generato un vespaio di polemiche e così la decisione di avviare un procedimento disciplinare.
A prendere la decisione il Consiglio di amministrazione dell’Ente accademico.

Cosa aveva scritto il professore Bassani

Il post della polemica e delle prese di distanze recitava così:
“Sarà una ispirazione per le giovani ragazze dimostrando che se vai a letto con l’uomo giusto, potente e ammanicato, allora anche tu puoi essere la vice di un uomo con la demenza. È come la storia di Cenerentola”.
Queste le parole del professore scritte in lingua inglese per amplificarne il messaggio.
Il rettore, Elio Franzini, aveva da subito preso le distanze giudicando “indegno” il post e avviato una istruttoria sul caso per decidere quale sanzione comminare al docente. Una sanzione giunta però a sei mesi di distanza dai fatti.
L’Università in quel periodo aveva pubblicato un intervento firmato da due docenti attraverso cui si prendevano le distanze dal comportamento del docente di storia.
"Esprimiamo la più ferma condanna nei confronti delle affermazioni di cui siamo venute a conoscenza da parte del prof Bassani, già condannate dal Rettore", avevano scritto Lorenza Violini, ordinaria di Diritto costituzionale e presidente del Comitato unico di garanzia per le pari opportunità e Marilisa D’Amico, ordinaria di Diritto costituzionale e Prorettrice dell’ateneo milanese, come riportato da Il Giorno.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала