Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

La dieta mediterranea può essere un'arma contro Alzheimer

CC0 / Pixabay / La dieta mediterranea
La dieta mediterranea - Sputnik Italia, 1920, 14.05.2021
Seguici su
Una dieta ricca di verdura, olio d'oliva, frutti di mare e frutta può essere un'arma di prevenzione contro l'Alzheimer, secondo le conclusioni di ricercatori tedeschi.
In base ai risultati delle scansioni cerebrali di un campione di 500 adulti anziani, i ricercatori del Centro tedesco per le malattie neurodegenerative di Bonn hanno dedotto che la dieta mediterranea offre per certi versi una forma di protezione contro l'Alzheimer, il tipo più comune di demenza senile. La malattia di Alzheimer è degenerativa e purtroppo incurabile, al momento non esistono medicinali in grado di rallentare la progressione della malattia.
I farmaci disponibili mirano solo ad alleviare sintomi come l'aumento dell'ansia e la depressione. Ecco perché è così importante scoprire le ragioni dello sviluppo di questa malattia e come proteggersi, alla luce della costante crescita del numero di malati di Alzheimer per l'aumento dell'aspettativa di vita.
Le scansioni di diverse centinaia di anziani hanno mostrato che chi seguiva la dieta mediterranea aveva meno chances di incorrere in una riduzione delle dimensioni del cervello. Avevano anche meno probabilità di avere livelli elevati delle pericolose proteine ​​beta-amiloide e tau presenti nel cervello delle persone con Alzheimer. I risultati di questo studio sono pubblicati sulla rivista medica Neurology. Dimostrano che questo tipo di dieta può prevenire il declino cognitivo.
La dieta mediterranea fa bene a persone di tutte le età, ma è particolarmente preziosa per gli anziani, particolarmente a rischio di Alzheimer, una malattia che oltre a debilitare chi ne soffre mette a dura prova le persone che si prendono cura del malato.
Nelle ultime fasi della malattia di Alzheimer, i parenti non possono lasciare il paziente da solo per un minuto; ha bisogno di cure costanti 24 ore su 24. In base a dati empirici derivanti da esperienze reali le persone che si prendono cura dei pazienti con l'Alzheimer hanno dieci volte più probabilità di soffrire di depressione e pensieri suicidi.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала