Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Dopo cyber-attacco società Usa "Colonial Pipeline" ha dato 5 milioni $ in criptovaluta ad hacker

Hacker al lavoro - Sputnik Italia, 1920, 13.05.2021
Seguici su
Dopo aver subito un attacco informatico il 7 maggio la compagnia americana Colonial Pipeline, il più grande operatore di oleodotti negli Stati Uniti, ha pagato agli hacker quasi 5 milioni di dollari in criptovaluta, ha riportato Bloomberg con riferimento a fonti.
"La Colonial Pipeline venerdì (il giorno dell'attacco informatico - ndr) ha pagato quasi 5 milioni di dollari ad hacker dell'Europa orientale", si afferma nell'articolo. Secondo l'agenzia, l'importo specificato è stato pagato poche ore dopo l'attacco ai sistemi informatici dell'azienda. Mercoledì scorso, i media, citando fonti, hanno riferito che il Colonial Pipeline non intendeva pagare il riscatto richiesto dagli hacker; la Casa Bianca aveva inoltre ricordato la raccomandazione dell'Fbi di non pagare il riscatto.
"Dopo aver ricevuto il pagamento, gli hacker hanno fornito all'operatore gli strumenti per ripristinare il sistema informatico dell'azienda", ha scritto Bloomberg, citando fonti a conoscenza della situazione. Secondo una delle fonti, le istruzioni degli hacker non erano sufficienti e l'operatore ha utilizzato le proprie capacità per ripristinare il funzionamento della propria rete. Come ha affermato in precedenza la segretaria dell'Energia degli Stati Uniti Jennifer Granholm, il riavvio dell'oleodotto Colonial Pipeline giovedì sera ha avuto successo e il suo lavoro dovrebbe essere completamente normalizzato entro la fine del prossimo weekend.
Colonial Pipeline è stato attaccato da DarkSide ransomware. L'attacco ha costretto l'azienda a chiudere alcuni sistemi "per contenere la minaccia che ha temporaneamente interrotto tutte le operazioni dell'infrastruttura ed ha colpito alcuni sistemi informativi". Questa situazione in particolare ha provocato prezzi più alti della benzina all'ingrosso negli Stati Uniti e occasionali interruzioni alle stazioni di servizio.
I media americani hanno collegato l'attacco informatico alla Russia, ma la Casa Bianca non lo ha confermato, affermando che è attualmente si valuta la pista di un'organizzazione criminale. Allo stesso tempo il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha affermato che gli hacker potrebbero essere in Russia e che considera Mosca parzialmente responsabile della lotta contro questi crimini. L'Ambasciata russa a Washington ha dichiarato infondate le accuse contro la Russia sulla vicenda di Colonial Pipeline.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала