Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Tirrenia, Federmar Cisal minaccia lo sciopero ad oltranza: stop il 23 maggio

© Foto : Public Domain / Cap. Eustachio PatalanoLa nave Raffaele Rubattino di Tirrenia
La nave Raffaele Rubattino di Tirrenia - Sputnik Italia, 1920, 11.05.2021
Seguici su
Il sindacato Federmar Cisal ha proclamato uno sciopero di 24 ore il 23 maggio per tutti i lavoratori di bordo e di terra del gruppo Onorato.
Il sindacato Federmar Cisal lancia l'allarme sulla possibile "ecatombe occupazionale" per i 6.000 lavoratori del Gruppo Onorato e proclama lo sciopero di tutto il personale il prossimo 23 maggio.
Lo stop di 24 ore potrebbe proseguire ad oltranza se la politica non troverà una risposta alla crisi di Tirrenia. 
I lavoratori chiedono un tavolo interministeriale tra ministero dello Sviluppo economico, ministero dei Trasporti e delle mobilità sostenibili, presidenza del Consiglio, Tirrenia in amministrazione straordinaria e gruppo Onorato,  in attesa che il tribunale di Milano si pronunci, il prossimo 24 maggio, sull'insolvenza del gruppo Onorato. 
"Pur mantenendo lo stato di agitazione, la Federmar Cisal congiuntamente alla Cisaltrasporti aveva rinviato lo sciopero del personale navigante e amministrativo del Gruppo Onorato a seguito della riunione presso il Ministero delle infrastrutture tenutasi il 5 maggio", ma "ad oggi - si legge in una nota - permangono e addirittura si aggravano le motivazioni alla base della vertenza che, tra tribunali e carte bollate, vede il rischio ormai imminente che 6 mila lavoratori di mare e di terra, incolpevoli e innocenti, non abbiano più garantiti i loro posti di lavoro sulle 39 navi, 16 rimorchiatori e uffici in Italia del gruppo Onorato armatori".
Nella nota, il segretario generale di Federmar, Alessandro Pico, fa presente che non si hanno "notizie di soluzioni dal tavolo interministeriale Mise, Mims, Presidenza del consiglio, Tirrenia in a.s. Gruppo Onorato" e che si attende "la decisione del Tribunale di Milano prevista, dopo ulteriore rinvio, per il prossimo 24 sul pronunciamento dello stato di insolvenza del Gruppo e quindi sulla conseguente ecatombe occupazionale".
Le organizzazioni dei lavoratori si erano già mobilitate per la Tirrenia nelle scorse settimane, anche in seguito alla sospensione delle rotte verso Sicilia e Sardegna.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала