Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Netanyahu: Hamas e Jihad Islamica pagheranno alto prezzo e dagli USA appello a de-escalation

© REUTERS / Amir CohenIl primo ministro di Israele Benjamin Netanyahu
Il primo ministro di Israele Benjamin Netanyahu  - Sputnik Italia, 1920, 11.05.2021
Seguici su
I gruppi palestinesi Hamas e Jihad islamica pagheranno un prezzo alto per le loro azioni contro Israele, pagheranno con le loro vite, ha esclamato il primo ministro di Israele Benjamin Netanyahu nel suo intervento serale.
"Abbiamo tenuto una riunione, alla quale è stata valutata la situazione in presenza di servizi di sicurezza. Abbiamo deciso che Hamas e Jihad islamica pagheranno un alto prezzo per le loro azioni contro Israele. ve lo dico oggi: pagheranno con le loro vite. Siamo uniti contro il detestato nemico", ha detto Netanyahu in un discorso speciale alla nazione martedì sera, trasmesso dai canali tv israeliani.

Hamas: continueremo a difendere gli interessi dei palestinesi a Gerusalemme

Il movimento Hamas continuerà a difendere gli interessi dei palestinesi a Gerusalemme e rispondere alle azioni di Israele, definendo in tal modo il nuovo equilibrio delle forze nel confronto, ha dichiarato il presidente dell'ufficio politico del movimento palestinese Ismail Haniya.
"Siamo insorti tutti insieme per difendere Gerusalemme e la moschea di Al-Aqsa. La Striscia di Gaza ha risposto agli appelli di aiuto di Gerusalemme. Abbiamo costretto il nemico a ritirarsi dalla moschea di Al-Aqsa e ad annullare la celebrazione del giorno della cosiddetta "unificazione di Gerusalemme". Ora c'è un nuovo equilibrio delle forze, che include Gerusalemme, resistenza popolare nelle piazze di Al-Aqsa e razzi della resistenza a Gaza", ha detto Haniya.

Il monito degli USA

Il segretario di stato degli USA Anthony Blinken ha comunicato al ministro degli Esteri israeliano Gabi Ashkenazi la necessità di una de-escalation delle tensioni, ha dichiarato il portavoce del Dipartimento di Stato, Ned Price.
"Il segretario di stato Blinken ha avuto l'opportunità di parlare oggi con il suo collega Ashkenazi, per condannare gli attacchi missilistici e trasmettere l'importante segnale per una de-escalation", ha affermato Price.
Inoltre, il portavoce ha chiarito che gli USA sono in contatto con funzionari governativi palestinesi e Washington ha intenzione di promuovere la sua posizione su qualsiasi piattaforma internazionale. Price ha sottolineato che gli USA esortano alla de-escalation sia Israele, che coloro che lanciano i razzi dalla Striscia di Gaza.

Le tensioni israelo-palestinesi

Soldati israeliani in azione di notte - Sputnik Italia, 1920, 10.05.2021
Forze israeliane prendono di mira obiettivi di Hamas in risposta a lancio missili da Gaza

L'inizio della più grande escalation degli ultimi anni al confine tra Israele e la Striscia di Gaza si è verificato lunedì sera. Da quel momento più di 600 missili sono stati lanciati dalla Striscia di Gaza contro il territorio di Israele. Il sistema di difesa missilistica Iron Dome ne ha intercettati 200. In precedenza le Brigate Ezzedin al-Qassam, l'ala militare del movimento Hamas, aveva annunciato di aver lanciato 130 razzi verso Tel Aviv alle 21.00 ora locale.

Israele, a sua volta, effettua attacchi aerei contro obiettivi nella Striscia di Gaza. Il portavoce del ministero della Salute dell'enclave palestinese Ashraf al-Qidra aveva dichiarato in precedenza che il bilancio delle vittime dopo gli attacchi israeliani nella Striscia di Gaza è salito a 30, inclusi 10 bambini, e altre 203 persone sono rimaste ferite.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала