Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Mozione centrodestra su coprifuoco e riaperture. Giro: “Ci sono le condizioni per ripartire”

© Filippo AttiliIl Senato della Repubblica
Il Senato della Repubblica - Sputnik Italia, 1920, 11.05.2021
Seguici su
Il senatore di Forza Italia spiega perché è giunto il momento per allentare le misure, grazie alla campagna vaccinale, alla riduzione dei decessi e dei ricoveri e al calo dei contagi.
Stop al coprifuoco, vaccinazioni in trasferta durante le ferie, centri commerciali aperti anche nel weekend, consumazioni nei ristoranti e nei bar anche al chiuso, la riapertura degli stadi, la ripresa delle cerimonie e delle attività dei parchi a tema.
Sono queste le richieste contenute nella mozione presentata al Senato da Lega, Forza Italia, Udc e Cambiamo.
Richieste che “sono in linea con il mantenimento delle misure di sicurezza, che vanno conservate e ribadite”, ma adesso “ci sono le condizioni per ripartire”, ha detto il senatore di Forza Italia Francesco Giro parlando a Sputnik Italia.
“La campagna vaccinale sta andando avanti a ritmi sostenuti e quindi coerentemente bisogna superare la fase di chiusura”, ha sostenuto Giro sottolineando che se cresce la popolazione vaccinata “la protezione individuale e collettiva è garantita in misura maggiore e questo ci consente di avere tutte le condizioni per ripartire”.
© FotoIl senatore di Forza Italia Francesco Giro
Il senatore di Forza Italia Francesco Giro - Sputnik Italia, 1920, 18.05.2021
Il senatore di Forza Italia Francesco Giro
In particolare, secondo il senatore bisogna permettere ai centri commerciali di riaprire nei weekend, perché “sono stati discriminati rispetto ad altri esercizi commerciali” e poi bisogna eliminare il coprifuoco “che era una misura legittima quando la vaccinazione era lenta, disorganizzata e in ritardo, ma ora che ha preso un’andatura accettabile vada cancellata”.
Quindi basta al coprifuoco ma “mantenendo le tre regole auree – sottolinea con forza Giro – igiene delle mani, distanziamento sociale e mascherina”.
Tra le altre richieste inserite nella mozione anche la revisione del metodo di “valutazione delle circolazione virale”, che, secondo il senatore e i firmatari del testo, deve essere basato “sul numero oggettivo immediatamente calcolabile delle degenze nei reparti Covid e nelle terapie intensive”. Dati che stanno “decrescendo” e che insieme al calo dei decessi “lento ma costante”, ci permette di “riaprire, perché l’economia ha bisogno di respirare”.
Infine, Giro ha ricordato che puntando ai 45 milioni di vaccinati con almeno una dose “ci si avvicina all’obiettivo dell’immunità di gregge”, del “ritorno lento alla normalità”, un ritorno a cui hanno contribuito tutti i vaccini, anche AstraZeneca, “per cui voglio spezzare una lancia”, perché è un siero che ha “salvato un intero Paese come il Regno Unito”.

I punti della mozione per far ripartire il Paese

Nel testo si leggono diverse richieste e assunzioni di responsabilità che il centrodestra propone al governo Draghi.
Ecco i punti principali della mozione:
  • la richiesta di "revisionare e aggiornare i parametri per la valutazione del rischio epidemiologico” per organizzare la divisione in zone in vista dell’estate;
  • il governo si impegni ad "assumere ogni utile iniziativa volta superare l'attuale regime del coprifuoco”;
  • il governo si impegni a trovare le modalità per “un'anticipazione delle riaperture e della ripresa delle attività previste per i mesi di giugno e luglio";
  • anticipare la “riapertura dei parchi tematici e acquatici attualmente prevista per il primo luglio";
  • riaprire gli stadi al pubblico per lo sport professionistico con un “numero di spettatori congruo a garantire la massima sicurezza";
  • far riprendere cerimonie e eventi e festeggiamenti collegati in sicurezza;
  • riaprire i centri commerciali anche nel weekend;
  • il governo si faccia “interprete a livello europeo di una linea comune che possa prevedere misure omogeneo di spostamento all'interno dell'Unione Europea” per evitare disparità;
  • dare la possibilità a chi si trova in vacanza fuori dalla sua regione di residenza “di accedere alle inoculazioni";
  • adottare misure di “controllo del territorio per il rispetto delle prescrizioni di legge al fine di evitare assembramenti e conseguente aumento dei contagi”.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала