Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Centri commerciali, domani saracinesche abbassate contro le chiusure nel week end

© Sputnik . Evgeny UtkinRagazza con il telefono in un negozio
Ragazza con il telefono in un negozio  - Sputnik Italia, 1920, 10.05.2021
Seguici su
L'iniziativa è stata supportata dalle maggiori associazioni del commercio italiane.
Nella giornata di domani i centri commerciali di tutta Italia inscenerano una manifestazione per protestare contro le chiusure nei week end.
Tutte le attività commerciali abbasseranno simbolicamente le saracinesche per alcuni minuti intorno alle ore 11.
L'iniziativa, che viene promossa dalle principali associazioni del commercio, coinvolge punti vendita situati nei 1.300 centri commerciali d'Italia e oltre 30.000 tra negozi e supermercati. 
"Con questa iniziativa le sigle vogliono dar voce ai 780.000 lavoratori che chiedono l’immediata revoca delle misure restrittive che da oltre 6 mesi impongono la chiusura dei negozi nei festivi e prefestivi, i giorni più importanti della settimana, in termini di ricavi, e fondamentali per aiutare la ripresa economica delle attività commerciali e del Paese", si legge nella nota diffusa da Ancd-Conad, Confcommercio, Confesercenti, Confimprese, Cncc–Consiglio Nazionale dei Centri Commerciali e Federdistribuzione.
Sempre nella giornata di martedì 11 maggio, si precisa nella nota, una delegazione dei vertici delle Associazioni del commercio sarà presente a Roma per un confronto con alcuni esponenti politici sulla questione delle riaperture.

Le normative sui centri commerciali

In base alla normativa antiCovid vigente non è prevista l'apertura dei centri commerciali nei giorni festivi e quindi nei fine settimana.
Delle modifiche, in tal senso, erano attese con il decreto approvato in data 26 aprile, con il governo che in ultima analisi ha però deciso di posticipare l'eventuale riapertura dei centri commerciali nel week end a dopo il 15 maggio.
Tale mossa ha suscitato stupore nelle associazioni di categoria, con il presidente di Federdistribuzione Alberto Frausin che ha definito la scelta "inaspettata e senza alcuna spiegazione".
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала