Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Piselli ultratrasformati al posto del latte, Filiera Italia protesta contro Nutriscore A per Nestlè

© Sputnik . Alexandr KryazhevLatte
Latte - Sputnik Italia, 1920, 09.05.2021
Seguici su
Filiera Italia commenta l'annuncio dato dal vice presidente di Nestlé sul lancio della nuova bevanda creata con piselli ultratrasformati e presentata come “Nutriscore A”.
In seguito all'annuncio fatto dal Vice presidente Nestlé, Bart Vandewaetere, sul lancio della nuova bevanda a base vegetale creata con piselli ultratrasformati, Filiera Italia lancia nuovamente un appello sul pericolo presentato dalle multinazionali o da etichettature come quella di Nutriscore.
"Come Filiera Italia stiamo denunciando da tempo il pericolo che multinazionali possano utilizzare strumenti come il Farm to Fork o posizioni ideologiche contro i prodotti di eccellenza della nostra zootecnia, o ancora sistemi di etichettatura come il Nutriscore per favorire la transizione da un sistema alimentare basato sulla terra, sui territori, sui contadini e su esperienza centenaria di trasformazione verso un sistema delle industrie dei cibi chimici e sintetici che marginano enormemente, favoriti da claim finto salutistici" ha dichiarato Luigi Scordamaglia, consigliere delegato di Filiera Italia.
​La bevanda di sintesi ottenuta da piselli ultratrasformati è stata presentata come "Nutriscore A".
​"Esiste un solo motivo per cui qualcuno dovrebbe sostituire del latte con una bevanda a base di vegetali ultratrasformati? La Commissione, il Parlamento Ue e tutti i Paesi aprano gli occhi e appoggino la battaglia italiana di lotta contro il cibo-Frankestein di laboratorio ammantato di salubrità" ha aggiunto Scordamaglia.

Il Governo si batta per il Made in Italy

Il consigliere delegato ha poi concluso richiedendo al Governo italiano di darsi battaglia a favore della semplicità e genuinità dei prodotti Made in Italy contro l'ipotesi di concentrare la sicurezza alimentare nelle mani di poche multinazionali.
"Davvero qualcuno vorrebbe concentrare nelle mani di poche multinazionali la food security diventata soprattutto dopo la pandemia strumento strategico globale? Sulla salubrità del cibo e contro approcci strumentali il Governo italiano continui a fare battaglia" ha sottolineato Scordamaglia.
A fine aprile il ministro dell'Agricoltura Stefano Patuanelli ha ribadito la sua posizione contro l'etichetta a semaforo che penalizza le eccellenze del Made in Italy, affermando che quest'ultimo rischierebbe di schiacciare le produzioni italiane.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала