Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Di Maio riceve direttrice del Wto: aumentare la produzione e la disponibilità di vaccini

© account Facebook Di MaioDi Maio e la direttrice del Wto Ngozi Okonjo-Iweala
Di Maio e la direttrice del Wto Ngozi Okonjo-Iweala - Sputnik Italia, 1920, 09.05.2021
Seguici su
Colloquio oggi alla Farnesina tra il ministro degli Esteri e la Direttrice generale dell’Organizzazione Mondiale del Commercio (Wto), Ngozi Okonjo-Iweala, incentrato sul sostegno ai paesi in via di sviluppo nella lotta alla pandemia di Covid-19 e sulla riforma del Wto.
Il Ministro degli Esteri e della Cooperazione Internazionale, Luigi Di Maio, ha ricevuto oggi alla Farnesina la Direttrice Generale del Wto per un colloquio incentrato sul rafforzamento del commercio internazionale e sulla liberalizzazione dei brevetti sui vaccini per il Covid-19.
Di Maio ha ringraziato Okonjo-Iweala per il suo impegno sul tema dell’approvvigionamento e della diffusione dei vaccini e ha ricordato che l’Italia è impegnata in tutte le sedi internazionali per mobilitare un adeguato sostegno finanziario ai Paesi in via di sviluppo e per favorire un incremento significativo della produzione vaccinale. 
“In quest’ottica, la recente proposta statunitense per una liberalizzazione dei brevetti costituisce un nuovo elemento del dibattito in corso e l'Italia, insieme all'Ue, è pronta a discutere ogni proposta che affronti tali casi in modo efficace e pragmatico”, si legge in una nota della Farnesina.
Tuttavia, “nel breve periodo continuiamo allo stesso tempo a invitare i Paesi produttori di vaccini a consentirne l'esportazione e a evitare misure che interferiscano con le catene di approvvigionamento internazionali”, ha precisato il ministro, sottolineando che “la nostra priorità è aumentare la produzione e la disponibilità di vaccini”.

Okonjo-Iweala: 10 paesi producono l'80% dei vaccini

Nel suo intervento di due giorni fa alla Conferenza “State of the Union” dell'Ue, anche la direttrice Wto ha sottolineato che, a parte la questione brevetti, ci sono altre questioni da affrontare per garantire maggiore disponibilità di vaccini, quali le restrizioni alle esportazioni e la limitata capacità produttiva di alcune parti del mondo.
“Dieci paesi al mondo producono l’80% di tutti i vaccini. Solo l’Africa importa il 99% dei suoi vaccini. Dobbiamo formare il personale e aumentare nel mondo le capacità produttive”, ha rimarcato.

Sostegno alla riforma del Wto

Nel colloquio odierno, Di Maio ha quindi confermato il sostegno dell'Italia al processo di riforma del Wto, anche in vista della dodicesima Conferenza ministeriale dell'Organizzazione che prenderà il via a fine anno.
“In qualità di Presidente di turno del G20 l’Italia lavorerà intensamente nei prossimi mesi per accompagnare questo processo e per favorire una ampia convergenza internazionale sul rilancio dell’interscambio e degli investimenti, con particolare attenzione al rafforzamento delle catene di valore dei prodotti sanitari, alla sostenibilità ambientale e al rafforzamento delle medie e piccole imprese sui mercati internazionali”, si precisa nella nota.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала