Registrazione avvenuta con successo!
Per favore, clicca sul link trasmesso nel messaggio inviato a

Ricercatori scoprono sepoltura umana di 78 mila anni fa, la più antica in Africa

© Fotolia / KrugloffScavi archeologici
Scavi archeologici - Sputnik Italia, 1920, 07.05.2021
Seguici su
Tra le più antiche sepolture umane rinvenute al mondo si trovano le ossa di una madre e di suo figlio nella grotta di Qafzeh a Nazareth, oltre ad altri ritrovamenti in Europa e in Asia che si ritiene risalgano a 120 mila anni fa.
Gli archeologi hanno scoperto quella che credono essere la più antica sepoltura umana in Africa: i resti di un bambino di tre anni, sepolto circa 78 mila anni fa. Lo rende noto una ricerca pubblicata mercoledì sulla rivista 'Nature'.
La tomba del bambino è stata scoperta alla foce del sito della grotta di Panga ya Saidi, lungo la costa del Kenya sud-orientale. Le ossa erano state trovate nel 2013, ma gli scienziati non si sono resi conto della portata di ciò che avevano scoperto fino al 2017.
"A questo punto non eravamo sicuri di cosa avessimo trovato. Le ossa erano semplicemente troppo delicate per studiarle sul campo. Era una scoperta di cui eravamo piuttosto entusiasti, ma ci sarebbe voluto un po' prima di capirne l'importanza", ha detto Emmanuel Ndiema dei musei nazionali del Kenya.
Il bambino sepolto è stato soprannominato 'Mtoto', che in swahili significa 'bambino'. Secondo gli scienziati, i resti si sono rivelati "sorprendentemente conservati".
"Abbiamo iniziato a scoprire parti del cranio e del viso, con l'articolazione intatta della mandibola e alcuni denti ininterrotti al loro posto. Anche l'articolazione della colonna vertebrale e delle costole è stata sorprendentemente preservata, conservando anche la curvatura della gabbia toracica, suggerendo che fosse una sepoltura indisturbata e che la decomposizione del corpo sia avvenuta proprio nella fossa dove sono state trovate le ossa", ha spiegato la professoressa María Martinón-Torres, direttrice del CENIEH. 
I ricercatori hanno detto che il corpo di Mtoto è stato trovato disteso sul lato destro, con le ginocchia tirate verso il petto, segno di una sepoltura strettamente avvolta con una preparazione deliberata. Martinón-Torres ha osservato che "la posizione e il collasso della testa nella fossa suggerivano che potesse essere presente un supporto deperibile, come un cuscino, indicando che la comunità potrebbe aver intrapreso una qualche forma di rito funerario".
Mentre il sito keniota dove fu sepolto Mtoto può essere il più antico sito di sepoltura dell'Africa, scienziati di tutto il mondo ne hanno scoperti alcuni che si ritiene abbiano tra i 90 mila e i 130 mila anni.
Notizie
0
Prima i più recentiPrima i più vecchi
loader
LIVE
Заголовок открываемого материала
Per partecipare alla discussione
accedi o registrati
loader
Chats
Заголовок открываемого материала